martedì 9 giugno 2015

Il "disco volante" LDSD ha fallito il suo secondo test

LDSD
È proprio vero che la sfortuna o qualcosa d'altro sembra accanirsi contro gli esperimenti condotti dall'Agenzia Spaziale Americana visto che quest'ultima ha annunciato che il secondo volo di prova di uno dei suoi progetti più ambiziosi, il veicolo spaziale LDSD dalla forma simile a quella di un 'disco volante' è fallito miseramente.
Cio' dimostra che la tecnologia per i futuri atterraggi su Marte attraverso l'impiego di un paracadute supersonico non è ancora pronta.
"Il paracadute non si è aperto correttamente. La caduta in acqua è stata controllata in modo da poter raccogliere e studiare tutti i dati dei test e trarre le opportune conclusioni oltre a correggere gli eventuali errori di progettazione", ha dichiarato la NASA in un comunicato stampa.Si tratta di un rallentatore a bassa densità supersonica appositamente progettato per analizzare quelle tecnologie destinate alle future missioni di atterraggio su Marte.
Il veicolo , rilasciato nell'atmosfera sovrastante l'Oceano Pacifico da un lanciatore di missili dell'US Air Force sull'isola di Kauai (Hawaii) doveva simulare un viaggio attraverso l'atmosfera di Marte. Dopo che un pallone aerostatico ha sollevato la navicella a 37 chilometri sopra il livello del mare, essa veniva sganciata dal vettore e rilasciata nell'alta atmosfera.
Il traino della navicella sarebbe dovuto proseguire fino al raggiungimento di una quota di 55.000 metri ove si sarebbe dovuto attivare il razzo acceleratore LDSD. 
A quel punto il dispositivo si sarebbe dovuto gonfiare e rallentare in modo da consentire alla navicella un atterraggio morbido. Il nome ufficiale completo del dispositivo che dovrebbe raggiungere una velocità 3,5 volte quella del suono, è 'rallentatore aerodinamico pneumatico a velocità supersonica'. 
Secondo i piani dei progettisti, il 'disco volante' è collegato alla base del veicolo spaziale in modo da garantirgli una graduale frenatura nell'atmosfera rarefatta di Marte e un atterraggio morbido sulla sua superficie . 
Il dispositivo è dotato di un enorme paracadute di 33,5 metri di diametro, due volte più grande di quello che ha portato il 'rover' Curiosity su Marte il quale gli dovrebbe garantire il trasporto di carichi pesanti e l'atterraggio sulla superficie del pianeta, inclusi i moduli residenziali e i veicoli senza pilota per il suo ritorno sulla Terra.
Fonte di riferimento:.rt.
© Fonte Video:RT en Español

Nessun commento :

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.