martedì 14 giugno 2016

L'esistenza di basi aliene sulla Luna avvalorata da alcune inedite immagini

Base Formation
Sono molte quelle persone che credono fermamente che gli astronauti americani possano aver visto e registrato quello che agli occhi di molti potrebbero sembrare delle antiche costruzioni abilmente strutturate sulla superficie lunare. 
Molte di queste strutture che in diverse occasioni sarebbero state documentate fotograficamente durante le molteplici missioni lunari potrebbero rappresentare il ventre molle della NASA accusata di aver intenzionalmente modificato alcune delle numerose immagini originali della superficie lunare sostituendole a loro volta con delle panoramiche abilmente digitalizzate in modo da occultare maldestramente delle presunte strutture artificiali che a rigor di logica non avrebbero dovuto esistere in quel luogo. Tutto ciò verrebbe avvalorato da alcune vecchie immagini ottenute durante le varie missioni Apollo molte delle quali fanno parte di una collezione privata appartenente ad un'ex dipendente della NASA. A detta di molti, queste immagini sembrano contenere la prova finale che in fondo la superficie lunare non è poi così desolata come potrebbe sembrare a prima vista. Le panoramichei a cui ci stiamo riferendo appartengono alla collezione privata di Ken Johnston, un ex tecnico avionico che per un certo periodo di tempo ha lavorato per conto di diversi imprenditori della NASA durante le varie missioni Apollo. Durante la sua permanenza lavorativa all'interno delle infrastrutture gestite dalla NASA all'interno delle quali ha lavorato come ingegnere e consulente, Ken Johnston si sarebbe imbattuto accidentalmente in una serie di istantanee scattate dagli astronauti della NASA durante le loro missioni lunari le quali mostrano in modo inequivocabile quelle che sembrano a prima vista delle autentiche basi aliene.
Indipendentemente da ciò che gli scettici potrebbero pensare, Johnston ha rivelato che all'epoca gli fu 'imposto' di distruggere tutte le foto originali in suo possesso. Ciò nonostante, contravvenendo agli ordini impartiti dai vertici della NASA, l'ex dipendente avrebbe deciso di conservare molte foto particolarmente scomode, alcune delle quali sono incluse nel video sottostante. 
Molti ufologi sostengono che le immagini dovevano essere essere distrutte solo perché la NASA non voleva che la gente comune fosse venuta a conoscenza dell'esistenza di strutture aliene sulla superficie lunare. Le immagini in bianco e nero mostrano in modo evidente quella che sembra una navicella che sorvola la superficie lunare.  Accanto al veicolo spaziale, sul lato inferiore sinistro dell'immagine contenuta all'interno del sottostante video, si possono notare una serie di misteriosi punti luminosi che potrebbero essere stati provocati da un qualche tipo di fonte artificiale. Secondo molti, le luci sembrano essere disposte in modo sistematico, suggerendo che potrebbero essere il prodotto di un disegno intelligente. Non molto tempo fa, l'utente di YouTube, SecureTeam 10 aveva pubblicato un video molto interessante che sembrava dimostrare l'effettiva esistenza di una serie di basi aliene sulla Luna. Per consentire a tutti di poter rilevare personalmente tali anomalie luminose, SecureTeam10 ha ritenuto opportuno condividere le coordinate di alcune strutture torreggianti individuate sulla Luna: 21 ° 4 '2.23 N, 148 ° 39'12.30 "E. 
© Fonte video; secureteam10

Nessun commento:

Posta un commento

Related 

Posts Plugin for WordPress, Blogger...

RatingWidget