giovedì 14 luglio 2016

Anche Marte ha i suoi ”scheletri”da nascondere

Alien Skeleton
I resti scheletrici di quella che probabilmente era una creatura vivente su Marte sono stati scoperti dal tenace cacciatore di reperti alieni, Paranormal Crucible il quale sostiene che i miseri resti potrebbero appartenere a una specie intelligente che in epoche remote aveva prosperato sul pianeta rosso. Immaginate le conseguenze e le ricadute globali qualora lo straordinario e insolito ritrovamento dovesse risultare autentico. Poiché si tratta molto probabilmente di un curioso effetto ottico provocato dalle particolari condizioni di luce e ombre è preferibile rimanere con i piedi per terra e valutare il contenuto della segnalazione come l'erronea interpretazione di qualcosa di inesistente, una distorsione ottica provocata dalla pareidolia.
La strana anomalia catturata dal rover Curiosity durante una delle sue passeggiate marziane è stata subito etichettata dagli archeologi spaziali come i resti scheletrici di un umanoide il cui capo sembra essere adornato da una sorta di corona. Tuttavia, Paranormal Crucible è convinto che i resti scheletrici potrebbero appartenere a un re, sacerdote o a un guerriero marziano . Questa presunta scoperta potrebbe dimostrare che un'avanzata civiltà strutturata in modo gerarchico avrebbe potuto svilupparsi in epoche molto remote. 
Ovviamente gli scienziati non sono affatto d'accordo con questa teoria visto che l'immagine in questione mostra dei semplici frammenti di roccia curiosamente levigati dalla sabbia e dal forte vento marziano .
© Fonte video; Paranormal Crucible 

1 commento:

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.