Gli scienziati della NASA affermano di aver rilevato un antico messaggio in lingua ebraica

 
Il telescopio di Arecibo, in Puerto Rico, avrebbe ricevuto nel pomeriggio dello scorso Sabato, un forte segnale radio a banda stretta le cui caratteristiche lasciano intendere una sorta di comunicazione divina proveniente dal di fuori del nostro sistema solare.
Il messaggio è stato tradotto dagli scienziati come 'Io sono il Signore, Creatore universale' o 'Il mio nome è il Signore, Creatore dell'Universo'.
Secondo gli esperti, il segnale sembrava provenire da quello che molti chiamano Dio. Com'era prevedibile l'annuncio ha provocato una forte reazione sia nella comunità scientifica che tra le organizzazioni religiose così come le reti sociali. Un team di astrofisici dell'università della California ha annunciato che uno dei radiotelescopi utilizzati per la ricerca di ipotetiche intelligenze extraterrestri ha intercettato una strana trasmissione radio che potrebbe essere interpretata come un messaggio "divino".
A guidare gli scienziati autori della scoperta è il professor Dan Werthimer, curatore del progetto Serendip, un programma che tenta di intercettare e decodificare le trasmissioni radio provenienti dallo spazio. 
A detta degli astronomi il segnale sarebbe molto simile al famoso Wow! ricevuto il 15 agosto 1977 dal grande radiotelescopio Ear della Ohio State University. Tuttavia, mentre il segnale Wow! ha rappresentato una serie incomprensibile di lettere e numeri, il segnale "6EQUJ5", contiene una lunga serie di 29 e lettere che a loro volta compongono cinque antiche parole ebraiche. 
Il professor Werthimer afferma di non conoscere l'origine esatta del segnale extraterrestre. Ciò nonostante è stato in grado di determinare che il segnale aveva viaggiato per 120 anni luce prima di venire intercettato dal telescopio. Secondo il famoso astrofisico, questo dimostra che il segnale di 7 secondi non ha un'origine umana. Molti privati cittadini e organizzazioni religiose hanno dimostrato grande interesse per il messaggio divino mentre altri si stanno già chiedendo se la NASA stesse attuando la solita politica della disinformazione.

Commenti

  1. Messaggio non divino..ma di vino.

    RispondiElimina
  2. Mi sa mi sa... speriamo che si facciamo una bella bevuta e la piantino di sparare c....alla prossima.

    RispondiElimina

Posta un commento