Prodotti farmaceutici all'origine delle mutilazioni bovine?

Il ricercatore ed ex poliziotto, Ted Oliphant ha rivelato in modo dettagliato come, durante le sue estese indagini condotte sulle strane mutilazioni animali avvenute in Alabama nel 1992, siano state rinvenute tracce di prodotti farmaceutici solitamente somministrati agli umani come gli anti-coagulanti e anti dolorifici.
Ciò che non riesce a spiegare il ricercatore è perché tali sostanze sono state rinvenute in alcuni bovini orribilmente mutilati. Ciò suggerisce che gli esseri umani potrebbero aver aver avuto un ruolo importante  in alcune delle strane mutilazioni segnalate in Alabama. La maggior parte dei bovini mutilati, cavalli,capre ed altri animali selvatici evidenziavano le stesse ferite, tutte inferte in modo estremamente preciso sulla testa e lungo le aree riproduttive e rettali. In tutte le carcasse è stata accertata la mancanza degli organi interni quali gli occhi, la lingua e il retto.  Come è noto, le ferite non sono affatto riconducibili a "tagli" o maldestre asportazioni ma piuttosto a delle perfette "incisioni" praticate con un qualche tipo di laser in grado di sprigionare temperature intorno ai 400 gradi F. Inoltre, intorno alle incisioni non sono state rilevate tracce di sangue come se le ferite fossero state cicatrizzate da un forte calore. 
È importante notare che i muscoli della schiena degli animali mostravano spesso dei sanguinamenti interni come se qualcosa o qualcuno avesse operato sopra di loro. Molti degli animali mutilati mostravano anche segni contusivi e fratture di ossa tipiche di chi cade dall'alto. Numerose sono le mutilazioni animali che nel corso degli anni sono state segnalate nell'America del Nord e nel Sudamerica molte delle quali risalgono quasi a quattro decenni da. 
Il fenomeno non si e' concentrato  esclusivamente sugli animali d'allevamento ma sembra aver coinvolto anche i cavalli, lama ,cinghiali ed altri animali selvatici. 
Come spiegare le numerose mutilazioni avvenute in Argentina?
Un particolare interessante è che molti di questi casi sono stati accompagnati da strani avvistamenti UFO che in ripetute occasioni sono stati segnalati da decine di testimoni oculari. Una conclusione logica potrebbe essere che i visitatori ET e alcuni esseri umani starebbero monitorando la diffusione dei prioni che si trovano anche nei tessuti muscolari, nei tessuti del cervello e nel midollo spinale. Ciò vuol dire che qualcuno sta cercando di isolare e impedire la diffusione di queste proteine ​​killer. In conclusione, gli esseri umani sono prossimi a rendere questo pianeta irrespirabile attraverso l'inquinamento e l'impoverimento  delle risorse naturali. Dobbiamo forse ritenere che qualche forza o entità superiore sta cercando di distruggere il pianeta Terra? 
La migliore arma per portare a termine una definitiva estinzione di massa è quella della manipolazione genetica a cui starebbero lavorando gli ET ostili in collaborazione con alcuni scienziati assoldati da oscure agenzie governative.

Commenti