Un misterioso segnale inviato da una stella distante solo 11 anni luce

Il 12 maggio 2017 i ricercatori dell'osservatorio di Arecibo, Porto Rico, hanno raccolto una serie di misteriosi segnali radio che sembravano provenire da Ross 128, una nana rossa conosciuta dagli astronomi per essere sprovvista di pianeti.
Abel Méndez, astrobiologo dell'Università di Puerto Rico e addetto al telescopio di Arecibo, ha affermato che la misteriosa stella è stata osservata per soli 10 minuti, durante i quali sono stati intercettati una serie di segnali trasmessi con cadenza "quasi periodica. Méndez ha dichiarato che è estremamente improbabile che i segnali possano provenire da un'ipotetica civiltà extraterrestre,facendo anche notare che tale possibilità non deve essere esclusa a priori .Mentre il telescopio di Arecibo è conosciuto per il ruolo svolto nel'intercettare ipotetici segnali provenienti da un qualche tipo di civiltà extraterrestre, esso è stato progettato per studiare le galassie lontane e pingare gli asteroidi che si avvicinano alla Terra. 
Méndez sostiene che il segnale potrebbe provenire da qualcosa che gli esseri umani hanno inviato nello spazio, forse un satellite distante milioni di chilometri. Tuttavia, in un post del 12 luglio 2017 avente per soggetto la misteriosa stella Ross 128, lo scienziato ha scritto che non esistono satelliti in grado di emettere segnali di questo tipo. Un'altra possibile spiegazione è che potrebbe trattarsi veramente di un flare stellare, o un'esplosione di energia avvenuta sulla superficie della misteriosa stella. Queste devastanti esplosioni viaggiano a velocità moderate e sono in grado di emettere potenti segnali radiofonici che possono disturbare i satelliti e le comunicazioni sulla Terra, oltre a mettere in pericolo le missioni degli astronauti. 
I brillamenti solari possono essere seguiti anche da una espulsione di massa coronale le cui particelle solari possono distorcere il campo magnetico del nostro pianeta, generare tempeste geomagnetiche e interferire sull'elettronica terrestre Fonte di riferimento:Business Insider

Commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...