domenica 22 marzo 2020

Testimonianze UFO trapelate dagli archivi segreti della CIA

Numerosi casi di avvistamenti Ufo studiati dalla Cia nel corso degli anni e gelosamente tenuti segreti sono ora disponibili al grande  pubblico e facilmente consultabili online.
Ora, ciascuno può farsi un’idea personale di alcuni eclatanti casi di avvistamenti riportati per decenni da un gran numero di  testimoni.
In occasione di una trasmissione della nuova serie  X-Files, e' emerso che anche la CIA ha  voluto pubblicare i suoi autentici X-Files.
Si tratta di una serie di casi verificatisi in diverse parti del pianeta e raccolti dalla Central Intelligence Agency nel periodo compreso tra il 1952 e il 1953.

Questi documenti fanno parte di una vasta serie resa pubblica a partire dalla fine degli anni Settanta  e includono due tipi di resoconti: quelli ancora inspiegabili, che l'agente Fox Mulder avrebbe utilizzato per persuaderci dell'esistenza di un'attività extraterrestre e quelli che hanno una spiegazione molto più scientifica, e per questo motivo molto più adatti allo scetticismo dell'agente Dana Scully. Ad ogni modo, tali documenti sono tutti molto interessanti e soprattutto insoliti.
X-FILES TEDESCHI. 
Per esempio, merita una particolare attenzione un caso di incontro ravvicinato del terzo tipo. Oscar Linke, 48 anni, si rese testimone insieme a sua figlia, dell’incontro con una “enorme padella volante”, dal diametro di circa 15 metri, adagiata all'interno di una radura della foresta tedesca. 
Era l'anno 1952. Lasciata la moto sulla quale i due stavano viaggando, entrambi si avvicinarono all’UFO dapprima a una distanza di 45 metri.  
Oscar, lasciata la figlia a distanza di sicurezza, si avvicinò ulteriormente all'oggetto fermandosi a una distanza di 10 metri. 
A quel punto riuscì a notare la presenza di due esseri dalle sembianze umane vestiti con tute lucide e dall'aspetto metallico. I misteriosi umanoidi sembravano armeggiaare con  quello che sembrava una sorta di astronave.
La presenza di Linke destò in loro grande paura e sospetto e così, “impauriti”,  tornarono velocemente all'interno della loro navicella che ripartì immediatamente verso il cielo.
UFO SOVIETICI
Sebbene molto scettico dell'avvistamento, lo stesso Linke affermò che la navicella aveva lasciato una profonda impronta sul terreno. era convinto di trovarsi di fronte a una segreta navicella  sovietica.
Solo in seguito, anche grazie alle testimonianze rese da altre persone che videro l’oggetto salire in cielo da una cittadina vicina, si rese conto che quella avrebbe potuto essere un dispositivo non terrestre.

Nessun commento:

Posta un commento

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

netparade