sabato 2 maggio 2020

L'ex moglie di Bob Lazar afferma come egli abbia mentito sul suo lavoro svolto all'interno dell'Area 51


Bob Lazar, l'uomo responsabile del settore ricerche avanzate all'interno dell'Area 51 e che afferma di aver lavorato su un prototipo di disco volante è diventato uno degli informatori più controversi della storia ufologica.
Ora, sono apparse nuove indiscrezioni sulla sua vita personale e professionale, che sembrano contraddire le sue precedenti affermazioni. 
D'altra parte, un famoso scienziato dovrebbe convalidare le sue dichiarazioni.
Laura Maria Elias collaboratrice di ufo.com.br si pone l'interrogativo: dove si cela veramente la verità?
Nei suoi oltre 70 anni di storia, l'ufologia ha prodotto una serie di dubbie figure etichettate come "informatori", il cui passato e accuse sono sempre state  molto difficili da dimostrare.
Alcune di queste persone sono destinate a ottener clamore solo per un breve lasso di tempo, lasciando le loro strane storie dimenticate dagli archivi della storia e dalla teoria della cospirazione. 
Tuttavia, Bob Lazar non sembra essere una di queste persone.
Il suo successo negli anni '90, in gran parte è dovuto al giornalista di Las Vegas George Knapp, specializzato in notizie ufologiche e sul paranormale, e in seguito dall'azione di John Lear, un'altra figura importante tra i teorici della cospirazione.
La sua storia, che inizia alla fine degli anni '80, indica  come fosse stato selezionato per lavorare come ingegnere a contratto privato per il governo degli Stati Uniti affinché all'interno di una struttura ultra segreta all'interno della base aeronautica degli Stati Uniti nota come S4.
Tale area sarebbe costituita da un insieme di nove hangar distanti  tra loro 25 km dalle strutture principali della base mimetizzata tra le viscere di una montagna, un'area così segreta che molti nativi americani non ne avevano mai sentito parlare.
Secondo Lazar, egli avrebbe lavorato su un disco volante avvalendosi dell'ingegneria inversa dopo aver avuto diversi contatti con una serie di concetti e tecnologie molto avanzate e sconosciute all'opinione pubblica. 
In quest'occasione avrebbe anche conosciuto il famoso elemento 115,  creato accidentalmente da un'esplosione ad alta energia.
Dopo essere stato bombardato dai protoni, l'elemento 115 sarebbe diventato l'elemento 116, che dopo essersi decomposto avrebbe innescato la grande esplosione. 
Questa dinamica sarebbe stata utilizzata come mezzo di propulsione per i futuristici veicoli spaziali.
Per motivi familiari, Lazar sarebbe stato "rimosso" dai suoi doveri e come rappresaglia per l'intrusione di spie governative nella sua vita intima, avrebbe invitato i suoi collaboratori impiegati nel deserto del Nevada a spiare una specifica area altamente protetta, sicura e pericolosa, ove venivano testati i voli di quello che sembrava un autentico disco volante.
Qualche mese fa sono emerse nuove informazioni sul conto di Lazar, questa volta da parte della sua ex moglie Tracy Ann Merck. 
La storia, infatti, è uscita in occasione di un'intervista concessa a John Lear durante il Kevin Moore Show.
Durante la conversazione, Moore ha informato Lazar su ciò che Tracy gli aveva raccontato sul suo passato accademico e in qualita' di ex marito.
Dal momento che nessuno è riuscito a provare nulla sulla vita personale di Lazar, poiché  completamente inestintente da qualsiasi archivio governativo, non si può dire chi possa aver veramente ragione su questa strana vicenda. 
Secondo Tracy, Lazar non si sarebbe mai  laureato mentendo sulle sue qualita' di scienziato, accademicamente parlando, e di conseguenza sul suo vero ruolo nel settore  S4 dell'Area 51.
Bob Lazar continua a rimanere un nome molto controverso all'interno dell'ufologia e in particolare tra le teorie del complotto, diventando molto  noto tra le generazioni più giovani grazie a un documentario disponibile su Netflix.
Tuttavia, anche se molti ufologi guardano con disprezzo  tutta questa storia e vedono Lazar come una pedina della disinformazione, recentemente uno scienziato molto rispettato si è interessato suciò che Lazar aveva raccontato.
Durante un'intervista concessa a George Knapp, il Dr. Rudy Schild, un astrofisico dell'Università di Harvard-Smithsonian, ha discusso su una serie di questioni come il ruolo della coscienza collettiva e in modo particolare su tutto cio' che  riguarda le questioni periferiche, come gli UFO e i presunti rapimenti alieni. 
Schild afferma di essere propenso alla divulgazione da parte del governo, nonostante fosse  preoccupato per le recenti e limitate rivelazioni sugli studi condotti segretamente dal Pentagono rappresentando il preludio alla divulgazione di un budget destinato a un programma da 100 miliardi di dollari il cui scopo è  solo armare lo spazio. 

Nessun commento:

Posta un commento

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

netparade