lunedì 30 settembre 2013

I "capelli d'angelo" un mistero ancora irrisolto.

Il 13 ottobre 1978 un organismo alieno vivente venne catturato e studiato per diciotto anni secondo un articolo pubblicato da El Pais. Il 2 novembre 1959, a seguito del passaggio di un UFO registrato nella città portoghese di Evora era caduta una pioggia di "capelli d'angelo".
Diversi filamenti era stati raccolti e sottoposti ad un esame di laboratorio, ma per circa diciotto anni, i rapporti su queste esperienze e altre intraprese dal mese di luglio 1960 da un biologo nella stessa zona, sono stati tenuti segreti da parte delle autorità. Il rapporto, che sosteneva la teoria di un intervento biologico da parte di un UFO era stato firmato da quattro scienziati del Centro di Ricerca Astronomica per lo studio di strani fenomeni, il cui nome non e' mai stato rivelato. Tuttavia, l'esito delle esperienze e delle microfotografie realizzate sono stati analizzati da molti scienziati provenienti da diversi paesi con sempre maggior interesse, perché in uno dei frammenti esaminati è stata identificata una "strana particella biologica totalmente sconosciuta, a seguito del primo test che mirava a rilevare vita extraterrestre. "
La particella aliena "Evora" misurava quattro millimetri ed era dotata di una enorme forza e resistenza. Essa era è stata posta tra due vetrini per l'esame microscopico, che secondo il rapporto, aveva "forti reazioni difensive" avvalendosi di una rete di tentacoli nel tentativo apparente di liberarsi. 
Ulteriori esperimenti hanno dimostrato che l'organismo era in grado di sopportare pressioni di 350 grammi.
Il rapporto riferiva che:
"Inizialmente essa appariva di vari colori: il corpo centrale era giallo, mentre i tentacoli sfoggiava un colore rosso molto intenso. Nel corso del tempo si e' verificato un forte cambiamento di colori, facendo scomparire i contrasti per far posto a un tono di colore giallo marrone." 
"I tentacoli erano composti da filamenti paralleli, uniti tra loro da una sostanza gelatinosa. Ogni filamento aveva un aspetto trasparente, rivelando all'interno corpuscoli il cui numero crescevano con il passare del tempo; al centro del corpo centrale vi era un'apertura a forma di bocca, attorno alla quale si osservavano crepe e pieghe molto sottili".
Fonte Video:

1 commento:

  1. Qualche anno fa, una mattina, vidi uno di questi filamenti che svolazzavano sopra casa mia.

    Fluttuavano nell'aria, trasportati dal vento.

    Non prestai molta attenzione alla cosa..

    Poi, durante la sera, notai lo stesso filamento che fluttuava dal lato opposto di casa mia, e scendeva sulla strada.

    Finì x terra e le auto che gli passavano vicino, stranamente non lo facevano allontanare x via dello spostamento d'aria..

    Alla fine, il filamento si aggrappo alla ruota di un'auto posteggiata e rimase lì.

    Non prestai molta attenzione alla cosa, anche se la curiosità e lo stupore ormai mi avevano assalito.

    Soprattutto x il fatto di aver rivisto lo stesso filamento a distanza di quasi 12 ore.

    Volevo raccoglierlo e conservarlo, ma alla fine non lo feci e andai a cenare.

    All'epoca non sapevo nulla di questi "capelli d'angelo".

    Tutto questo succedeva a Catania centro.

    Booooh?

    RispondiElimina

netparade

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero