giovedì 31 luglio 2014

Gli UFO sono tornati in Siberia

Ufo in Siberia
Allo stato attuale nessuno è riuscito ancora a fornire una spiegazione scientifica sulla misteriosa comparsa in Siberia di due enormi crateri.
Uno di questi crateri è stato scoperto alcune settimane fa da un elicottero metre sorvolava la penisola di Yamal. Da allora, la spedizione scientifica arrivata sulla scena, e’ ancora in attesa dell'esito delle loro indagini rese ancora piu' complicate dalla scoperta di altri due crateri profondi 100 metri che non fanno altro che infittire ulteriormente il mistero sulla loro origine. Il secondo cratere comparso sulla penisola di Yamal - il cui nome nella lingua degli indigeni Nenets significa la fine del mondo - è stato scoperto a poche centinaia di chilometri di distanza dal primo. I residenti locali riferiscono che lo scorso settembre I misteriosi crateri avevano generato delle strane emissioni di fumo e intensi bagliori accompagnati dalla comparsa di strani oggetti dalla forma solida. Un esperto Russo dopo aver sorvolato la zona in elicottero ha concluso che quei crateri sono da attibuirsi a delle canne provocate da un'esplosione sotterranea .

                Una antica miniera aliena?
Dopo la coperta del primo cratere di circa 80 metri di diametro in tutto il mondo si e’ iniziato a speculare su come potrebbero essersi formati gli altri due crateri. Molti attribuiscono la loro origine all’impatto di meteoriti, missili "impazziti" o all’affioramento in superficie di sorgenti d'acqua . 
Gli appassionati di UFO sono convinti che quei crateri potrebbero rappresentare delle minere e i luoghi di sbarco di alieni interessati alle nostre risorse minerali. Gli esperti preferiscono non formulare ipotesi azzardate, visto che Anna Kurchatov, una dipendente russa del centro di ricerca artica appena si avvicinò a una possibile spiegazione, ha preferito sottolineare che questa è solo una teoria, una congettura dettata dalla teoria di metánbuborék .
La penisola siberiana si e’ formata 10 mila anni fa, venendo ricoperta dal mare. Quando uscii dal fondo del mare, I sedimenti marini intrappolati dal gelo hanno formato enormi quantità di metano . Questo gas si nasconde sotto il permafrost, il terreno permanentemente ghiacciato vicino ai poli, che oggi costituisce circa il 20 per cento della terraferma. Tuttavia, l'effetto del cambiamento climatico globale provocherebbe lo scioglimento del permafrost, i cui gas rilasciati nell’atmosfera in grandi quantità insieme al metano e altri idrocarburi contribuirebbero al cambiamento climatico . Il processo è auto-eccitato, e secondo alcune stime, l'ammontare di 70 miliardi di tonnellate di gas serra più aggressivo, come il metano, si nasconderebbe nel terreno ghiacciato.Kurchatov ritiene pertanto che le eruzioni di metano potrebbero aver provocato queste voragini nel terreno dovute alla pressione rilasciata dalla superficie del suolo.

© Fonte Video: Super Hero


Nessun commento :

Posta un commento

Anche con un centesimo di € potrai aiutare questo Blog a sopravvivere

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.