martedì 11 novembre 2014

Ricercatori siberiani hanno scoperto un nuovo asteroide che potrebbe minacciare la Terra

2014 UR 116
I ricercatori siberiani hanno scoperto un nuovo asteroide che potrebbe rappresentare una seria minaccia per la Terra. La scoperta è stata fatta dalla rete di telescopi della MASTER creati dalla Lomonosov Moscow University in collaborazione con le Università della Siberia e l'Osservatorio Pulkovo di San Pietroburgo.
Se l'asteroide dovesse colpire la Terra la potenza dell'esplosione sara’ 1000 volte superiore a quella provocata dal meteorite precipitato nella citta’ russa di Chelyabinsk .Un membro del team MASTER, Denis Denisenko è stato il primo a rilevare la presenza di questo ospite indesiderato. Dopo aver consultato la lista degli oggetti celesti rilevati dal telescopio robotico installato nel Caucaso, Denis Denisenko ha inviato le coordinate dell'asteroide al centro dell'Unione Astronomica Internazionale che si occupa dello studio dei pianeti minori.
La scoperta che è stata confermata da un astronomo inglese ha costretto alcuni ricercatori a iniziare un nuovo programma di studio tramite il quale si spera di ottenere alcuni dati relativi alle effettive dimensioni del nuovo corpo celeste chiamato 2014 UR116 E 'stato stabilito che l’asteroide potrebbe rappresentare una seria minaccia per altri due pianeti molto simili alla Terra, e precisamente Marte e Venere.Gli studiosi riferiscono che al momento è impossibile prevedere il suo percorso perché esso potrebbe cambiare sotto l'impatto di altri corpi celesti. Le dimensioni dell'asteroide si aggirano intorno ai 370 - 390 metri, e con queste dimensioni, l’asteroide potrebbe rappresentare una grave minaccia qualora dovesse colpire la Terra, ha dichiarato il Direttore dell'Osservatorio Astronomico dell'Università di Irkutsk Sergei Yazev. 
"Questo asteroide transita di volta in volta tra la Terra, Marte e Venere. Le osservazioni fatte durante i primi due giorni dopo la sua scoperta testimoniano che esso entra nella categoria degli asteroidi che possono rappresentare una potenziale minaccia per la Terra.Questo non significa necessariamente che colpirà il nostro pianeta. È solo una classificazione fatta dagli astronomi quando l'orbita di un corpo celeste attraversa una linea critica rispetto all'orbita della Terra, per cui l'oggetto viene classificato come potenzialmente pericoloso." 
Nella classificazione fatta dagli astronomi, questa distanza critica è inferiore a 0,05 unità astronomiche, pari a circa 19,5 distanza tra la Terra e la Luna. La dimensione dell'oggetto è molto importante prima che possa essere considerato pericoloso, per cui la sua massa non deve superare i 100-150 metri. 
La sua collisione con la Terra potrebbe provocare la distruzione sostanziale di ogni forma di vita nel raggio di centinaia di chilometri o un enorme tsunami qualora dovesse cadere nell'oceano. Attualmente sono stati identificati circa 5.000 asteroidi. L’asteoride 2014 UR 116 è il terzo asteroide pericoloso ad essere scoperto dal sistema di telescopi MASTER.Gli unici due asteroidi che hanno delle dimensioni maggiori misurano tra i 250 e 125 metri. 
Se gli oggetti di queste dimensioni si scontrano con la Terra, l'energia sprigionata dall'esplosione è migliaia di volte superiore a quella del meteorite esploso sopra la citta’ di Chelyabinsk negli Urali, nel mese di febbraio 2013. Il più grande frammento del meteorite era precipitato nel lago Chebarkul . 
Da non dimenticare che l’ onda d'urto del meteorite di Chelyabinsk aveva rotto le finestre in molti edifici costringendo più di 1500 feriti a ricorrere alle cure mediche.Gli esperti propongono di studiare l'asteroide in modo più approfondito e solo dopo aver calcolato la sua orbita potranno confermare la sua vera pericolosita’. In ogni caso,l’asteoride 2014 UR 116 è più grande di Apophis che dovrebbe avere un diametro di circa 270 metri. 

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.