giovedì 11 dicembre 2014

Lo spazio può far diventare sterili gli astronauti

sesso nello spazio
Altro che Panspermia!!! Uno studio ha dimostrato che il tempo trascorso nello spazio può colpire sia gli organi riproduttivi maschili che quelli femminili.
Il sondaggio, che è stato condotto dalla NASA ha dimostrato che gli animali esposti a gravità zero e alle radiazioni presenti nello spazio, potrebbero aver riportato serie disfunzioni alle loro capacita’ riproduttive .L'agenzia spaziale incoraggia gli astronauti a congelare le loro uova (alle donne) e lo sperma (agli uomini) prima di imbarcarsi in una (sterile) missione spaziale. Quest’ultima ricerca potrebbe aggravare ulteriormente nelle future decisioni della NASA sulla lunga permanenza nello spazio degli astronauti.
"Per quanto riguarda gli effetti delle radiazioni sugli umani non abbiamo dati certi per determinare se davvero quello che stiamo vedendo negli animali possa ripercuotersi anche su di loro", ha dichiarato il Dr. Joseph Tash. 
"Quello che e’ certo e’ che stiamo assistendo a grandi impatti sulle capacità riproduttive degli animali." La radiazione cosmica è anche nota per influenzare altre parti del corpo, specialmente gli occhi visto che l’ 80% degli astronauti segnalano di accusare alcune disabilità visive, dopo solo poche settimane di permanenza nello spazio, al punto da essere costretti a indossare degli occhiali da vista dopo il loro ritorno sulla Terra. 
Fonte di riferimento:arquivoufo.com

1 commento:

  1. No, può far diventare "sterili" le tasche dei contribuenti
    visto il costo stratosferico di queste missioni.

    RispondiElimina

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.