martedì 20 gennaio 2015

I dubbi di Albert Einstein sui nostri metodi per contattare gli alieni

einstein-ufos
Albert Einstein, l'uomo che ha giustamente teorizzato fatti sorprendenti sul nostro universo, ha anche osato ipotizzare che non siamo le sole creature a vivere nel cosmo. Inoltre, Einstein riteneva che il motivo per cui non abbiamo ancora incontrato gli alieni era perché i nostri metodi di ricerca non erano del tutto ottimali affinche' si potesse avere un contatto con altre civilta' intelligenti.
Albert Einstein e' morto due anni prima che l'uomo fosse riuscito a lanciare il primo satellite nello spazio, lo sputnik. Cionostante i viaggi nello spazio e il volo dei razzi sono stati teorizzati e fantasticati per altri decenni da allora. Sorprendentemente, anche se le edizioni digitali dei documenti di Albert Einstein sono state rese pubbliche, finora, nessuno di loro ha fatto alcuna menzione circa il volo dei razzi e viaggi spaziali. 
Anche se il contemporaneo di Einstein il fisico Hermann Oberth,aveva regolarmente discusso circa la possibilità e l'applicazione pratica della scienza missilistica e l'invio dell'uomo nello spazio con l'intenzione di studiare l'ignoto che si cela al di là dei confini della terra, Einstein sembra che abbia voluto ignorare l'argomento omettendo di menzionarlo nelle sue carte.
Esplorare le vaste regioni dello spazio esterno che non erano mai state violate dagli esseri umani era certamente una prospettiva molto eccitante, e Albert Einstein era già abbastanza famoso per postulare altre teoriensull'universo e sui materiali che la componevano.Quindi, quando un corrispondente del Daily Mail chiese al.premio Nobel circa le sue opinioni sulla vita extraterrestre o aliena, Albert Einstein disse : 
"Ci sono tutte le ragioni per credere che Marte e altri pianeti sono abitati".Si può solo immaginare come avrebbe potuto essere qualificata la vita alina dal punto di vista di Einstein. Sembrava che Einstein era abbastanza sicuro sul fatto che i terrestri sono destinati a incontrare gli alieni solo dopo aver esplorato Marte. Anche se la scienza moderna non ha ancora scoperto la prova conclusiva della "vita su Marte," i teorici della cospirazione e i cacciatori di UFO sono convinti che Einstein aveva intuito che sul pianeta rosso si nasconderebbero delle forme di vita intelligente.Come tutte le sue idee, Einstein aveva una sua ipotesi sulla vita aliena, arrivando ad affermare che :
"Perché la terra deve essere considerato l'unico pianeta in grado di sostenere la vita umana? Cio' non è cosi'singolare come molti vogliono sostenere".
È interessante notare che l'argomento di Albert Einstein è stato dimostrato proprio in più occasioni quando le varie agenzie spaziali internazionali, tra queste la NASA, erano riuscite ad individuare molteplici pianeti simili alla Terra che avrebbero potuto sostenere la vita. Eppure, finora non è stata scoperta alcuna forma di vita aliena né gli alieni hanno mai provato a contattarci, per quanto ne sappiamo, sulla base della nostra attuale comprensione del concetto di comunicazione inter-specie.
A quanto pare, Einstein aveva una chiara idea del perché gli alieni non comunicavano con noi di rilasciando la seguente dichiarazione: 
"Ma se esistono creature intelligenti, come possiamo supporre che trovandosi altrove nell'universo, esse non possano cercare di comunicare con la terra attraverso un complesso sistema wireless ?[Radio]." Einstein riteneva semplicemente sbagliato che un'organizzazione come il SETI , si limitasse esclusivsmente nel cercare di sintonizzarsi nel tentativo di captare e decriptare eventuali "onde radio" .
Una cosa era certa per l'illustre scienziato; la metodologia del SETI non era il modo ideale per cercare di comunicare con gli alieni.
Invece, Einstein propose un altro metodo per la ricerca di forme di vita nel cosmo; quello dei "raggi della luce”, la cui direzione può essere controllata molto più facilmente per cui sarebbe probabilmente il primo metodo per portare a termine questo tentativo. È interessante notare che, a quanto pare Albert Einstein avrebbe avuto ragione circa l'approccio sbagliato del Seti. Anche se le onde radio lunghe penetrano più facilmente la polvere diffusa nello spazio interstellare,le onde visive possono essere indirizzate con maggiore precisione da qualsiasi forma di vita intenzionsta a stabilire un contatto con noi Tutto questo fa parte della presunzione di un arrogante concetto umano?
© Fonte di riferimento:.inquisitr.com

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.