Sopravvivere su Marte coltivando la lattuga

I futuri astronauti che atterreranno su Marte attraverso il progetto spaziale One Landing Mission dovranno avere il pollice verde se vorranno sopravvivere in quelle lande desolate.
Un gruppo britannico sta progettando un sistema per far crescere della lattuga sul pianeta rosso nella speranza che la sua coltivazione possa permettere la sopravvivenza alimentare di una futura colonia di vegetariani.
Se tutto va bene, la lattuga sara’inviata sul pianeta ostile, entro il 2018, come parte del programma del Mars One il cui scopo e’ quello di stabilire un insediamento umano entro il 2025.
Su Marte, le temperature scendono a -90° C durante la notte, mentre enormi tempeste di polvere coprono l'intero pianeta per settimane, e la velocità del vento può raggiungere 60 mph (30 metri al secondo).
Per qualsiasi essere umano Marte suona come un ambiente etremamente difficile per sopravvivere in quelle condizioni, per non parlare di altri esseri viventi come le piante.Il progetto, gestito presso l'Università di Southampton, ha lo scopo di colitvare le insalate di verdure in una particolare serra all’interno della quale le piantine saranno protette da queste difficili condizioni ambientali.La responsabile del progetto Suzanna Lucarotti ha dichiarato: 
Per vivere su altri pianeti dobbiamo coltivare cibo. Nessuno finora ha mai realmente fatto una cosa del genere per cui siamo intenzionati ad essere i primi”.“Questo progetto è tecnicamente fattibile e incredibilmente ambizioso negli obiettivi prefissati, victo che per noi sarà come portare la prima forma di vita complessa su un altro pianeta.”
Per il progetto, chiamato #LettuceOnMars, la serra verrebbe lanciata dalla Terra insieme a dei semi di lattuga, acqua, sostanze nutritive, e sistemi per l'elaborazione atmosferica e monitoraggio elettronico. Durante il lungo viaggio per Marte, il sistema di elaborazione rimarra’ spento e inattivo mentre i semi di lattuga verranno congelati in modo da conservarli fino all’arrivo sul pianeta rosso.Dopo un atterraggio sicuro,il lander Mars One inizierà a fornire elementi per l’alimentazione energetica e riscaldamento in modo da mantenere una temperatura compresa tra 21° C e 24° C. 
L'anidride carbonica, che è essenziale per la vita delle piante, verrebbe estratta dall'atmosfera marziana ed elaborata prima di entrare nella camera di crescita. La lattuga verrebbe poi coltivata senza il terreno, e regolarmente irrorata con acqua e altre sostanze nutritive.Una volta che l'ambiente avra’ raggiunto le condizioni adatte, l'impianto provvedera’ automaticamente a farle crescere.
L'obiettivo è quindi quello di condividere con la Terra le foto delle varie fasi di sviluppo della lattuga in modo che gli scienziati possano assistere passo passo allo sviluppo della pianta che da un piccolo seme dibenta una pianta completa.Una volta che la missione è completata, i riscaldatori passerebbero a piena potenza, sterminando tutta la vita nel payload.
Il progetto è uno dei 10 progetti universitari preselezionati, l'unico del Regno Unito a essere stato selezionato per il potenziale inserimento e semina nel payload dopo l’atterraggio del Mars One previsto per il 2018. Le altre voci riguardano un progetto tedesco volto a cambiare nell'atmosfera di Marte una piccola quantità del 95 per cento di anidride carbonica in ossigeno utilizzando i cianobatteri.  Un aggeggio progettato per generare la prima aria respirabile su Marte sara’ realizzato attraverso una competizione globale finalizzata a condurre esperimenti terrestri sul pianeta rosso.
Fonte di riferimento:.dailymail.co

Commenti