sabato 28 marzo 2015

Gli ingegneri rivelano come individuare una navicella interstellare

astronave aliena
Possiamo rilevare un'astronave aliena che viaggia quasi alla velocità della luce? Mentre i viaggi nello spazio interstellare appartengono  ancora al regno della fantascienza, gli scienziati ritengono che se una nave aliena si avvicina in prossimità della Terra viaggiando alla velocità della luce, forse potremmo rilevarne la presenza avvalendoci dell'attuale tecnologia. 
Questo è secondo quanto teorizzato da un paio di ingegneri della difesa i quali ritengono che ogni veicolo spaziale che viaggia così veloce dovrebbe lasciare lungo la sua scia delle distinte tracce luminose. 
Ma il loro studio rivela anche che la fisica attuale ritiene improbabile viaggiare a velocità della luce soprattutto vicino a un pianeta come la Terra, calcolando che una collisione con un singolo granello di polvere dovrebbe rilasciare una energia pari a 5291 libre (2,400kg) paragonabile all'esplosione di TNT. 
Un paio di ingegneri della difesa affermano che qualsiasi veicolo spaziale che viaggia quasi alla velocità della luce dovrebbe rilasciare una firma luminosa nella sua scia perché l'astronave si troverebbe a interagire con la radiazione cosmica di fondo. Queste variazioni luminose mostrano come gli scienziati prevedono di rilevare una firma CMB che permetterebbe al veicolo spaziale di aumentare la sua velocità. Gli Ingegneri californiani Ulvi Yurtsever e Steven Wilkinson sostengono che le astronavi che viaggiano a velocità della luce vicino a un pianeta potrebbero interagire con la radiazione cosmica di fondo (CMB).
CMB è la luce rimasta intrappolata fin dai primi momenti della creazione dell'universo che è stata allungata attraverso il cosmo intero appena l'universo si è espanso. Una nave spaziale in rapido movimento si scontra con i fotoni a microonde cosmiche, affermano tecnici secondo i quali,si vengono a creare forti raggi gamma.Questa teoria è stata discussa in un rapporto del MIT Technology Review .I ricercatori hanno stimato che ogni centimetro cubo di spazio contiene oltre 400 fotoni a microonde.
Ciò significa che una navicella spaziale dovrebbe andare a collidere con migliaia di miliardi di fotoni ogni secondo creando qualcosa come delle coppie di elettroni-positroni. Ciascuna di queste coppie potrebbe benissimo trascinare una navicella spaziale. L'effetto dissipativo è di circa due milioni di Joule per secondo,' hanno riferito gli scienziati Yurtsever e Wilkinson durante il loro studio
Fonte di riferimento:dailymail.co.uk

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.