Satellite esplode rilasciando tonnellate di spazzatura spaziale

esplosion satellite
Un satellite artificiale in orbita a 800 km di altezza è esploso a causa di un improvviso aumento della temperatura del sistema di alimentazione. L'evento ha generato una grande nube di detriti, tra questi figurano almeno 43 grandi frammenti che devono essere ancora catalogati.
Il satellite DMSP F13- (del Defense Meteorological Satellite Program Flight 13), è stato lanciato nel 1995 con l'obiettivo di fornire dati meteo per l'esercito americano, in particolare informazioni essenziali utilizzate durante l'operazione Tempesta del deserto, in Iraq. 
Al momento dell'esplosione, avvenuta il 9 febbraio 2015, il satellite DMSP-F13 aveva completato 100.000 orbite attorno alla Terra, scattando migliaia di immagini meteo fino al 2006 quando è stato messo in stand-by.
Inizialmente, si pensava che l'esplosione di DMSP-F13 fosse stata provocata da uno scontro tra il satellite con un possibile detrito spaziale, anche se l'analisi orbitale ha indicato che il satellite non aveva incrociato altri oggetti orbitanti. Inoltre, gli analisti fanno notare che questa non è la prima volta che si verifica un'esplosione satellitare. Nell'aprile 2004, un altro satellite DMSP (DMSP-F11) con 13 anni di servizio ha subito un disastro simile dopo essere esploso improvvisamente disseminando nello spazio piu'di 56 frammenti non catalogati.A quel tempo gli ingegneri avevsno riportato un improvviso aumento di temperatura nei sistemi di alimentazione, il che suggerisce che un guasto simile possa essersi verificato anche su questo satellite. 
Una minaccia per gli Astronauti
Si stima che ci sono nello spazio circa 600 mila frammenti più grandi di 1 centimetro e almeno 16.000 oggetti superiori a 10 cm, il che rende la collisione tra questi oggetti e satelliti in orbita una delle maggiori preoccupazioni per le agenzie spaziali.Almeno due volte l'anno la Stazione Spaziale Internazionale ha bisogno di effettuare delle manovre correttive per evitare la collisione con i detriti spaziali e come i resti di collisioni intenzionali possano scendere in orbite più basse, dove opera la ISS e gran parte dei satelliti scientifici, facendo aumentare in questo modo il rischio di collisioni.
Collisioni memorabili
La più famosa collisione nello spazio avvenne nel 2009, dopo lo scontro tra il satellite statunitense Iridium 33 e il russo Cosmos 2251. Tale impatto ha prodotto una delle più grandi formazioni di spazzatura spaziali che conosciamo generando più di 2000 oggetti frammentati potenzialmente pericolosi. Nel gennaio 2 del 2007, il satellite cinese è stato colpito deliberatamente dal razzo Fengyun 1C e nel 2008 è toccato agli americani a subire la perdita del satellite spia USA 193, intercettato nell'atmosfera superiore da un missile del tipo SM-3 (Standard Missile-3).Nei primi mesi del 2013, uno dei frammenti di Fengyun 1C ha colpito uno dei satelliti russi che ha cambiato la sua orbita dopo essere stato gravemente danneggiato.
Fonte: www.apolo11.com

Commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...