sabato 23 maggio 2015

Misterioso oggetto non identificato ritarda gli esperimenti del CERN

hqdefault
Gli scienziati del CERN hanno subito dei gravi ritardi nel condurre una serie di esperimenti che si sarebbero dovuti concludere a breve  attraverso le infrastrutture dell'Hadron Collider.Questo perche' un "oggetto non identificato" si e' introdotto all'interno del tubo di fascio che si snoda per 17 miglia attraverso i tunnel sotterranei dell'avanzato impianto LHC.

Gli scienziati, finora, non hanno ancora un'idea sull'origine dell'intrusione di questo oggetto e come sia arrivato fin lì.  Il fisico Albert De Roeck, uno degli scienziati che lavorano al CERN non sembra preoccuparsi piu' di tanto per l'oggetto misterioso: "L'oggetto non identificato che si trova all'interno di uno dei tubi risulta noncostituire un problema per gli esperimenti, ma solo un piccolo contrattempo da tenere d'occhio" .
Il più grande acceleratore di particelle del mondo, il Large Hadron Collider ha fatto notizia quando nel 2012. la collaborazione a livello globale fornita da migliaia di scienziati, ha permesso di osservare una nuova particella fondamentale, meglio conosciuta come il bosone di Higgs. Dopo di che, l'attività del collider è stata sospesa per un intenso aggiornamento dei programmi e delle stesse apparecchiature. 
Molto più potente di prima, come parte del Run 2, i fisici responsabili degli esperimenti del Large Hadron Collider stanno analizzando i nuovi dati ottenuti dalla collisione dei protoni in modo da poter svelare la vera struttura del bosone. Il Large Hadron Collider e' stato costruito a cavallo del confine che separa la Francia dalla Svizzera. 
La sua prima esecuzione che ha avuto inizio nel 2009, e' stata guidata dal CERN, l'Organizzazione europea per la ricerca nucleare, con sede a Ginevra, la quale opera attraverso un consorzio internazionale composto da migliaia di scienziati. 
Scoprire i segreti delle particelle e sbloccare i misteri del cosmo, permetterà agli scienziati di aprire le strade verso le nuove tecnologie del futuro.
Come avviene ogni anno, il "2015 International Workshop on Scattering Inelastic di Dallas," assegnerà agli scienziati più importanti del mondo le direttive con cui operare a livello internazionale in modo che possano guidare gli esperimenti di fisica di punta a livello mondiale, come quelli condotti all'interno del Large Hadron Collider. 
Entrando nella seconda fase operativa, De Roeck afferma che i fisici continueranno a cercare eventuali anomalie,inaspettati modi di decadimento e la produzione di multi-Higgs con grandi tassi di decadimento che potrebbero verificarsi più del previsto.
La scoperta di queste particelle, permetterà ai fisici di risolvere alcuni misteri, come quello che circonda la materia e l'energia oscura, e i primi attimi del Big Bang.  In pratica si tratta di tornare indietro nel tempo in modo da ricostruire le origini del nostro universo e di conseguenza capire meglio le leggi che lo governano. Le scoperte delle particelle in definitiva fara' in modo che esse possano essere applicate in altri campi scientifici in modo da migliorare la vita di tutti i giorni, come ad esempio per quelle tecnologie mediche come MRI e PET, che diagnosticano e curano il cancro.
Con l'apertura di nuovi centri in tutto il mondo, la  terapia protonica permetterà di curare il cancro in modo non invasivo, oltre a gestire con precisione il controllo dei bisturi nell'asportazione del melanoma.
Fonte di riferimento: bizlifes.net

Nessun commento :

Posta un commento

Anche con un centesimo di € potrai aiutare questo Blog a sopravvivere

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.