domenica 12 luglio 2015

La NASA cambia idea sulle origini delle misteriose luci rilevate sul pianeta nano Cerere

ceres-zoom-in_arrow
Il 30 giugno 2015 la sonda Alba della NASA era in orbita attorno al pianeta nano Cerere, quando improvvisamente e inspiegabilmente ha cessato di trasmettere senza alcun preavviso.

Ceres-bright-tight
 Dopo che per alcuni giorni si è parlato di "errori di sistema" e "Safe Mode", la NASA ha annunciato che la navicella era di nuovo operativa, ma in modalità standby.
Improvvisamente, una commissione di esperti ha annunciato che quelle luci misteriose rilevate sulla superficie del pianeta nano, non sono state provocate dal riflesso del sole su una superficie ghiacciata, ma da qualcosa di molto diverso. 
Perché questo cambiamento improvviso? 
Sono tutti degli eventi correlati tra loro? 
La notizia ufficiale della fine delle trasmissioni della sonda Alba è stata diffusa dopo che il software di bordo ha rilevato un'anomalia sconosciuta verificatisi dopo aver acceso i suoi motori ionici che avrebbero permesso alla navicella di spostarsi sul suo terzo livello orbitale, molto più vicino a Cerere.
Da allora, la sonda ha cessato tutte le sue attività, tra cui la spinta necessaria per spostarsi in modo sicuro in un'altra orbita solo dopo aver ricevuto ulteriori istruzioni dalla NASA. 
Dopo due giorni, la NASA ha annunciato che il software era stato riconfigurato tornando a funzionare di nuovo in modo corretto. Ciò nonostante la NASA ha deciso di mantenere la sonda Alba nella sua orbita, fino a nuovo avviso, ed è lì che attualmente si trova il dispositivo. 
Il motivo è che per completare le analisi sarebbe necessario aggiornare il suo piano di volo.
Una nuova teoria sulle misteriose luci? 
In tutto ciò, Christopher Russell, ricercatore principale della missione Alba, improvvisamente ha annunciato che la sua squadra ha abbandonato l'idea che sulla superficie di Cerere possa nascondersi del ghiaccio. Dopo una prima spiegazione della presenza di ghiaccio rilasciata a seguito della pubblicazione di un sondaggio che mirava a rafforzare questa ipotesi, ora quello che pare strano è perché tutto ad un tratto la NASA ha cambiato idea.
Cosa c'è sotto ?
"Il consenso generale della squadra è che l'acqua è sicuramente un fattore importante su Ceres, anche se le stesse macchie luminose hanno più probabilità di essere solo del sale altamente riflettente, piuttosto che acqua." 
Russell afferma che la squadra fallì nella qualità delle misurazioni ottenute per dimostrare che le macchie luminose erano state provocate dal ghiaccio o dall'acqua. 
E 'possibile che la squadra abbia effettivamente scoperto dell'acqua o qualsiasi altra cosa che non vuole rivelare? 
O era un difetto legato alla missione di Alba per cui gli esperti hanno preferito concentrarsi sulla nuova missione New Horizons verso Plutone ?
Forse la NASA sta cercando di nascondere i propri problemi?
Il fatto che entrambi i guasti si sono verificati a un paio di giorni di distanza da un altro "difetto" che rovesciò la Borsa di New York potrebbe significare che gli hacker hanno ampliato i loro orizzonti per la missione Dawn e New Horizon?

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.