sabato 18 luglio 2015

La NASA sarebbe a conoscenza dell’approssimarsi del Pianeta X

planet X nibiru nasa
© credit image: NASA
Questo documento rivela che 200 anni fa qualcosa aveva disturbato le orbite dei pianeti esterni. Per alcuni scienziati il misterioso pianeta X potrebbe effettivamente esistere e annidarsi nel nostro sistema solare .
Per chiarezza, il Pianeta X menzionato nei file della NASA, non è quello descritto da Sitchin come il 'pianeta Nibiru' che ogni 3600 anni tende ad avvicinarsi alla Terra intersecando la sua orbita regolare. In seguito alla scoperta del pianeta Nettuno nel 1846, c'è stata una notevole speculazione sul fatto che un altro pianeta potrebbe esistere al di là dell'orbita terrestre. 
La ricerca è iniziata a metà del 19° secolo e culminò all'inizio del 20°, con la ricerca di Percival Lowell sul fantomatico Pianeta X. 
Lowell ha proposto l'ipotesi del Pianeta X per spiegare le apparenti discrepanze nelle orbite dei pianeti giganti, come Urano e Nettuno, ipotizzando che la gravità di una grande e invisibile nono pianeta potrebbe aver turbato Urano in modo tale da poter spiegare le sue irregolarità orbitali.
Clyde Tombaugh, l'uomo che ha scoperto Plutone nel 1930 si fece avanti per convalidare l'ipotesi di Lowell. 
Nel 1978, Plutone è stato considerato troppo piccolo per influenzare i pianeti giganti per via della sua bassa gravità, costringendo gli scienziati a condurre una conseguente breve ricerca sull'eventuale esistenza di un decimo pianeta.
Questo pianeta X più grande della Terra si nasconderebbe nelle profondità oscure dello spazio ben al di là di Plutone, che aspetta solo di essere scoperto attraverso le analisi delle orbite di "oggetti trans-nettuniani estremi" ( Etnos) . 
"Riteniamo che la spiegazione più probabile è che questo pianeta ed eventualmente altri pianeti sconosciuti possano esistere al di là di Nettuno e Plutone," ha dichiarato l'autore principale Carlos de la Fuente Marcos, dell'Università Complutense di Madrid
Egli non è il primo a dare credito alla possibile esistenza di un cosiddetto Pianeta X. Nel mese di marzo 2014, Chadwick Trujillo e Scott Sheppard hanno annunciato la scoperta dei corpi celesti 2012 VP113 e Sedna.  Essi si troverebbero all'interno della Nube di Oort, la regione inesplorata dello spazio localizzata al di là della fascia di Kuiper (dove si trova Plutone ). 
Trujillo e Sheppard hanno suggerito che le orbite del 2012 VP113 e Sedna sono in linea con la continua presenza di un grande "perturbatore", forse un pianeta 10 volte più massiccio della Terra che si troverebbe a 250 UA dal Sole.
Se ci sono ancora dubbi sull'esistenza del Pianeta X, i veri documenti pubblicati nell'ottobre 1988 dalla NASA confermano effettivamente che da lungo tempo gli scienziati erano già a conoscenza dell'esistenza del Pianeta X , così come le conseguenze che avrebbe riportato il pianeta Terra a seguito del suo passaggio. 
L'approccio del Pianeta X nel nostro sistema solare consiste nell'invio di una enorme quantità di particelle di energia plasmatica elettricamente carica che potrebbe condizionare tutti i pianeti del nostro sistema solare per effetto dei flussi sul nucleo della Terra, innescando importanti cambiamenti climatici.
Dal 1996 si e' rilevato un aumento costante dell'attività sismica, eruzioni vulcaniche e insolite variazioni dei modelli meteorologici che dal 1979/1980 sono aumentati drammaticamente insieme al numero dei disastri naturali.
Nota: Clyde W. Tombaugh (1906-1997) diventerà il primo essere umano ad aver inviato i suoi resti al di fuori del sistema solare, dopo che le sue ceneri sono state collocate a bordo della sonda Nasa New Horizons
E 'interessante sapere che il progetto New Horizons è iniziato nel 1990, appena due anni dopo che la NASA ha rivelato i propri documenti sul Pianeta X. Coincidenza?
Inoltre nello stesso periodo di tempo, nei primi anni del 1990 la ricerca del Pianeta X e' stata in gran parte abbandonata (Cover-Up), quando un cosiddetto studio delle misure da parte del Voyager 2 aveva permesso di scoprire che le irregolarità riscontrate nell'orbita di Urano erano dovute ad una leggera sovrastima della massa di Nettuno.
Fonte di riferimento:ufosightingshotspot

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.