Morgan Freeman: ”Voglio viaggiare nel futuro per vedere se gli esseri umani esistono ancora”

Morgan Freeman
Vi siete mai chiesti che cosa accadrebbe qualora avessimo la possibilità di viaggiare avanti o indietro nel tempo?
Probabilmente tutti noi vorremmo tornare indietro nel tempo per annullare qualcosa che si è rivelato essere sbagliato o semplicemente di ri-vivere un'esperienza nella sua interezza. 
Dal romanzo di Wells ambientato nel 1895 "The Time Machine", a Superman The Movie, l'Uomo d'acciaio che vola a velocità supersonica per portare la Terra indietro nel tempo nel 1978 oltre agli innumerevoli libri, film e TV show che ci hanno affascinato con l'idea che un giorno saremmo stati in grado di spostarci nei meandri del tempo con lo scopo di gestire gli eventi a nostro piacimento.
"E se fossimo in grado di inviare messaggi indietro nel tempo e cambiare gli eventi che si sono già verificati passato? Potremmo un giorno tornare indietro e riscrivere il presente?" 
Queste sono alcune delle domande provocatorie poste dall'attore Morgan Freeman nella sequenza di apertura di un programma TV, "Possiamo tornare indietro nel tempo?"
Il prossimo episodio della serie Science Channel Through The Wormhole Con Morgan Freeman presenta le teorie dei principali esperti, pensatori e scienziati che offrono nuove questioni sull'argomento che, in apparenza, potrebbe sembrare troppo inverosimili per la realtà in cui viviamo e più in linea con la fantascienza.
Sul suo sito web , il fisico teorico futurista Michio Kaku illustra la fisica del viaggio nel tempo in questi termini: 
"I fisici hanno sempre deriso l'idea del viaggio nel tempo, considerando l'argomento degno delle astruse teorie formulate dai mistici e ciarlatani, e con buona ragione. Tuttavia i notevoli progressi ottenuti studiando la gravità quantistica fanno rivivere questa teoria. Un problema riscontrato con la possibilità di viaggiare nel tempo è che tale ipotesi è colma di paradossi. Ad esempio, c'è il paradosso di un uomo senza genitori che torna indietro nel tempo per modificare la sua situazione familiare".
Domanda: Se i nostri genitori sono morti prima della nostra nascita, allora come avremmo potuto nascere per poi tornare indietro nel tempo solo per ucciderli affinché non si unissero in matrimonio? È interessante notare che, non è la prima volta che Stephen Hawking si oppone all'idea dei viaggia nel tempo. 
"Se veramente esistesse la possibilità di viaggiare nel tempo", ha dichiarato lo scienziato, "allora saremmo stati visitati da turisti provenienti dal futuro"
A causa dell'enorme quantità di lavoro svolto dai fisici teorici negli ultimi cinque anni o giù di lì, Hawking da allora ha cambiato idea, visto che ora ritiene che viaggiare nel tempo potrebbe essere possibile.
Forse non siamo particolarmente interessanti a questi turisti provenienti dal futuro? Se potesse scegliere, in quale direzione di tempo viaggerebbe Freeman?  Scegliera' di viaggiare nel passato o futuro?
"Vorrei andare nel futuro. perché sono consapevole del passato che ho vissuto. Si commetterebbe un enorme errore, credo, andando indietro nel tempo per tentare di cambiare la storia. Non sono intenzionato a tornare indietro per provare a cambiare qualcosa che potrebbe avere un effetto peggiore" ha dichiarato Freeman a The Huffington Post.
Ma, se egli fosse stato in grado di viaggiare verso il futuro, quale esperienza avrebbe voluto vivere? Forse il suo vero scopo era quello di accertarsi che l'umanità non si fosse estinta?
Fonte di riferimento: .huffingtonpost.com

Commenti

  1. Considerazioni personali.
    1) Immaginiamo il padre di un figlio che avesse la possibilità di posizionarsi fisicamente nel passato in un tempo antecedente al matrimonio con la donna dalla quale ha avuto il figlio,
    e poniamoci le seguenti domande:
    a - Se nel medesimo istante in cui il corpo del padre si inserisce nel contesto del passato, il medesimo si trova nella condizione di non poter evitare un incidente mortale, e pertanto non potrà mai più tornare nel presente dal quale è venuto, che ne sarà del figlio rimasto nel presente, che non è in pratica mai stato concepito?
    b - Sparisce all'istante come non fosse mai esistito, o se invece non sparisce, di chi sarebbe in
    realtà figlio?
    c - Con quale persona sua madre l'avrebbe concepito, considerato che suo marito non è mai esistito?
    Come si può notare questo è un vero paradosso temporale e tutte le teorie che ragionano su una simile eventualità rimangono quello che sono: teorie, supposizioni, filosofie che si basano su supposti impossibili da dimostrare.
    2) pensiamo invece alla possibilità di proiettare il nostro corpo in una realtà futura.
    In quale contesto ci verremmo a trovare visto che quella realtà è legata ad azioni umane non ancora avvenute durante il periodo che intercorre tra il nostro presente e quel specifico futuro?
    Chi crede in tale possibilità basa la sua congettura che esista il destino, ovvero che sia già
    stato preordinato fin dall'inizio il corso della vita di ciascuno di noi, nonchè l'interazione tra i vari individui che va a creare l'intricato tessuto del complesso di relazioni future.
    Se così fosse non potremmo asserire di disporre del libero arbitrio visto che qualcuno ha già
    stabilito la nostra nascita e qualsiasi nostro comportamento futuro.
    Ciò equivarrebbe a dire che Dio conosceva fin dall'inizio quale sarebbe stata la scelta di
    Adamo perchè lo aveva programmato Lui stesso a ribellarsi alla Sua autorità.
    Ciò risulta essere in netto contrasto al principio fondamentale che “Dio è amore”.

    RispondiElimina

Posta un commento