Perché alcune persone credono nei fenomeni paranormali?

paranormale
Gli psicologi hanno trascorso decenni cercando di scoprire quali sono i veri motivi che portano certe persone a credere nei fenomeni paranormali.
La "Distorsione cognitiva" è la vera responsabile per quanto riguarda i fenomeni paranormali, come mostra uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Deusto (Bilbao), Fernando Blanco, Itxaso Barber e Helena Matute. 
I "Pregiudizi cognitivi" sono scorciatoie che utilizza la mente per risolvere i problemi di tutti i giorni, senza che la persona se ne accorga. Inoltre, certe credenze, possono svilupparsi in alcune persone, dal momento che sono il risultato dell'evoluzione della specie. Pertanto, la ricerca suggerisce che le persone che credono ai fenomeni paranormali tendono ad accentuare questo pregiudizio nel selezionare le informazioni che vengono loro presentate favorendone le illusioni causali, il che potrebbe spiegare perché esse tendono ad accettare queste strane credenze. In particolare, un vuoto cognitivo determina l'illusione causale che consiste nella percezione illusoria di una relazione di causa ed effetto dove ci sono solo coincidenze. 
Ad esempio, uno studente potrebbe pensare che indossare un indumento rosso gli porterà fortuna agli esami, solo perché in passato ho ottenuto buoni voti dopo aver indossato una camicia di tale colore.
Fonte di riferimento:lainformacion

Commenti

  1. Quando mai si smetterà di ritenere che tutto quello che esiste è solo quello che vediamo?
    Ci sono persone, entità immateriali, puramente energetiche, che si prendono gioco di questa
    cieca umanità, e la usano allo stesso modo in cui noi usiamo le galline.
    Quando l'uomo si renderà veramente conto di tale triste realtà, sarà troppo tardi.

    RispondiElimina

Posta un commento