Stephen Hawking: i buchi neri sono passaggi per universi paralleli

buchi neri sono passaggi per universi paralleli
Lo scorso martedì il famoso fisico britannico Stephen Hawkins ha proposto presso l'università di Stoccolma una nuova teoria circa l'esistenza e il funzionamento dei buchi neri (la scoperta dell'uovo di Colombo. C'era bisogno di Hawkins per capirlo?) .
Secondo lui, i buchi neri potrebbero consentire l'accesso in molteplici universi paralleli tramite un gateway, il cosiddetto portale spazio temporale meglio illustrato dalla che famosa serie Tv Stargate. Secondo questa nuova teoria, i buchi neri non dovrebbero distruggere la struttura molecolare di un oggetto nel momento in cui si avvicina ad esso, ma piuttosto costituiere un "deposito" di informazioni. 
Hawkins ha postulato che i dati (relativi agli oggetti catturati dal buco nero) non vengono memorizzati all'interno di esso come si pensava, bensì nelle sue vicinanze.
Solo ora l'imminente scienziato si è accorto che i buchi neri potrebbero essere una sorta di portali in grado di permettere l'accesso verso altre dimensioni.
"L'esistenza di teorie alternative sui buchi neri fa ritenere che essi potrebbero rappresentare davvero un passaggio per altri mondi il cui accesso sarà di sola andata, visto che il ritorno nella dimensione reale risulta estremamente improbabile " .
Questa "nuova" teoria è un tentativo da parte dello scettico docente per trovare quelle risposte a paradossi teoremici che hanno visto molti ricercatori e specialisti litigare tra loro per decenni.
Fonte di riferimento: sputniknews.com

Commenti

  1. LO AVEVANO GIA' ANTICIPATO GLI UMMITI nei loro messaggi scritti inviati negli anni '60! Esistenza di un' altro universo parallelo o cosmo gemello del nostro, che si sarebbe creato nello stesso istante del nostro, ma su altre coordinate di spazio e tempo. con il senno di poi, gli ummiti avevano ragione!

    RispondiElimina

Posta un commento