giovedì 24 settembre 2015

Il fallimento del Programma Constellation

Programm Constellation
Questo progetto degli Stati prevedeva inizialmente di far tornare l'uomo sulla luna entro il 2020. Nel 2005 il presidente Bush Jr. ha annunciato un piano rivoluzionario destinato a far tormare l'uomo sulla Luna.

L'agenzia spaziale degli Stati Uniti avrebbe lasciato il 'noioso' e lungo programma spaziale condotto attraverso la gestione della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) per tornare a mettere piede sulla luna entro il 2020 il che avrebbe assorbito enormi risorse finaziarie e lavoro da parte degli scienziati. 
Gli Stati Uniti speravano in questo modo di poter rivivere la gloria passata delle numerose missioni Apollo. 
Così è nato il grande programma Constellation(Costellazion o CxP), il primo e fino all'ultimo momento il più grande progetto di questo secolo mai portatto a termine dalla NASA . 
Il programma Constellation sarebbe stato annullato dal presidente Obama solo cinque anni più tardi senza nemmeno raggiungere uno dei suoi obiettivi finali a cui la NASA aspirava molto. In realtà, le origini del Programma Constellation vanno ricercate all'inizio del secolo, quando la NASA creo' il programma OSP attraverso il quale si sperava di trovare un sostituto delle navette spaziali di quel periodo per cui la cosa interessante è che per la prima volta la NASA prese seriamente in considerazione la possibilità di sostituire le navette con delle tradizionali capsule monouso. 
Fino ad allora quasi tutti i progetti per sostituire lo Shuttle si incerniarono su delle navicelle alate di piccole dimensioni. 
Nel quadro del programma OSP questo tabù è stato rotto per la prima volta optando per soluzioni alternative per quanto riguardava i vettori spaziali che fino ad allora facevano da spola con la Stazione Spaziale Internazionale. 
I sostenitori delle capsule monouso avevano proposto che queste erano molto più facili da controllare e più sicure, come la Soyuz russa che lo aveva più volte dimostrato in diverse occasioni, mentre le navicelle alate rappresentavano un incubo dal punto di vista logistico perché non potevano essere utilizzate in missioni destinate oltre la bassa orbita terrestre.
Fonte di riferimento:danielmarin.naukas.

Nessun commento :

Posta un commento

Anche con un centesimo di € potrai aiutare questo Blog a sopravvivere

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.