lunedì 12 ottobre 2015

Il mistero del Lago Baikal

lake-baiskal-ufo-image-2
Il lago Baikal oltre ad essere considerato una sorta di hot spot per via dell'intensa attività UFO è il più grande specchio d'acqua dolce del mondo, poiché contiene circa un quinto di tutta l'acqua dolce non congelata presente sulla Terra. 
Questo lago si trova nel sud della Siberia e sotto le sue acque fredde i subacquei militari russi hanno affermato di essersi imbattuti con degli USO (Oggetti subacquei non identificati) individuati nel buio dei suoi fondali. 
Nel 1982, durante le esercitazioni militari di sette subacquei russi qualcosa di insolito si manifestò nelle profondità del lago.
Alexey Tivanenko, un docente di storia russa, ha dichiarato: 
'Ad una profondità di 50 metri, sono stati avvistati degli strani esseri alti circa tre metri , tutti vestiti con abiti argentei molto aderenti. Non avevano alcun dispositivo da immersione , ma solo dei strani caschi sulla testa '. 
Ciò che rende questo avvistamento ancora più strano è il fatto che i sommozzatori hanno ricevuto l'ordine di catturare uno di questi esseri, considerati degli Ihtiander, delle strane creature appartenenti al folklore russo, accusate di essere metà uomo e metà squalo. Appena i sette sommozzatori si avvicinarono a questi strani esseri furono rapidamente scaraventati fuori dall'acqua rischiando di morire di embolia per la mancata decompressione.
'All'epoca la squadra di sommozzatori avevano solo due dispositivi per la decompressione, tutti non funzionanti. I sette sommozzatori non potevano essere ospitati in un'unica camera iperbarica visto che poteva contenere solo quattro di loro. 
Gli altri tre sommozzatori morirono sulla spiaggia per via degli effetti provocati dell'embolia '.
Tivanenko ha paragonato le descrizioni di questi esseri con le antiche incisioni rupestri in cui si possono osservare delle misteriose creature munite di casco che molti attribuiscono alla visita sulla Terra di antichi alieni. 
"Numerose solo le raffigurazioni di questi Figli del cielo tutti dall'elevata statura e muniti di caschi sulla testa, particolari questi che potrebbero far ricordare gli astronauti di oggi '.
Da non dimenticare i numerosi resoconti di testimoni oculari relativi a strane attività sul lago, oltre a una relazione di un avvistamento avvenuto nel mese di aprile 1987. 
Queste sono le parole di Valery Rudentsov un residente locale:
'Verso le ore 0:20, dopo che uno dei nostri ragazzi era uscito in cortile per giocare, rientrò pochi secondi dopo invitandoci ad uscire fuori. Giunto al centro del cortile il ragazzo puntò il dito verso il cielo dove a 150 metri sopra di noi un enorme disco volante aleggiava silenziosamente. Dal centro del dispositivo fu proiettato un luminoso raggio fosforescente. 
Ai bordi del disco volante vi erano degli oblò gialli che ricordavano quelli delle nostre case rurali. Il diametro del disco era di 70 metri. Lo abbiamo visto così chiaramente e per un lungo periodo di tempo, che qualcuno aveva suggerito che lo avremmo potuto colpire con un sasso per quanto era vicino.
La notte era incredibilmente tranquilla e nessun rumore sembrava provenire dal disco volante, nonostante che dietro di noi ci fosse il villaggio di Kurma dal quale proveniva solo il latrato di un cane e il muggito delle mucche. 
La luna piena offriva una visibilità così chiara che nessuno di noi poteva mettere in dubbio la realtà di quello che stavamo osservando. Trascorsi pochi istanti, il disco volante scivolò via lungo la riva della baia per poi infilarsi tra le colline di Olkhon. 
Fino a quel giorno non abbiamo mai assistito a una cosa del genere. Da allora è stato una sorta di sacrilegio per me non credere negli UFO. Il mio amico Alessandro, un cacciatore, e alcuni suoi colleghi che hanno vissuto nel villaggio per 20 anni, hanno riferito di aver visto spesso degli oggetti volanti non identificati. Quindi, non è strano che si continui a parlare di incandescenti sfere volanti o velivoli a forma di "sigaro", che vengono visti costantemente lungo le rive del lago Baikal. 
Basta guardare le immagini del lago Baikal scattate dai satelliti. Vedrete che nel ghiaccio ci sono degli strani fori circolari. Su come si possano essere formati nessuno ancora è riuscito a fornire una risposta convincente".
Fonte di riferimento:/ufo-news.co.uk

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.