mercoledì 2 dicembre 2015

“Ciao, vengo dal futuro solo per vedere come stai”

 
Sulla possibilità di violare le leggi che indiscutibilmente dovrebbero governare lo scorrere del nostro tempo, molti scienziati hanno cercato di affrontare la questione in modo serio supportati dalla figura estroversa e anticonformista di Stephen Hawking, diventato famoso per le sue teorie fuori ordinanza e erroneamente interpretate dai teorici della vita extraterrestre. 
Il noto fisico crede che sia possibile viaggiare attraverso il tempo e addirittura afferma di possedere le conoscenze per costruire un prototipo di macchinario in grado di violare le limitazioni del tempo cosi' come lo conosciamo oggi .
lo scorso secolo, gli scienziati hanno proposto diverse teorie che suggeriscono la possibilità di fare il grande salto verso il futuro.  Ciò nonostante il ritorno al passato, purtroppo, risulterebbe molto più complicato per le conseguenti limitazioni temporali derivanti dai viaggi a ritroso all'interno di una dimensione sconosciuta . Secondo la teoria della relatività generale, il tunnel attraverso il quale accedere nei meandri del tempo, può servire come una sorta di ponte, il percorso più breve che permette il collegamento di due punti nello spazio-tempo.  Qui sorge un problema: qualora verrà escogitato un modo per creare un wormhole attraverso il quale fare il salto verso il futuro, esso non risulterebbe altrettanto efficace nel ripercorrere a ritroso il tempo stesso perché non permetterebbe ai futuri viaggiatori di tornare al momento in cui è stato creato il wormhole. Un'altra opzione potrebbe essere la cosiddetta dilatazione del tempo. In pratica il tempo scandito dall'orologio di un cosmonauta in volo nelle profondità dello spazio tende a scorrere più lentamente rispetto all'orologio di un persona sulla Terra. 
In effetti gli orologi che segnano lo scorrere del tempo all'interno della Stazione Spaziale Internazionale sono più lenti rispetto a quelli sulla Terra. 
A maggior ragione, il tempo scandito all'interno di un'astronave in movimento a
velocità elevatissime, trascorrerà molto più velocemente nel circumnavigare una galassia lontana .Nel fare ritorno sulla Terra i cosmonauti noteranno un pianeta irriconoscibile per via del considerevole tempo trascorso percepito in modo diverso dai cosmonauti che potrebbero essere considerati come dei viaggiatori del tempo.  La domanda è: 
fino a che punto possiamo inoltrarci nei meandri dello spazio-tempo? 
Una volta giunti ai limiti del tempo saremmo in grado di tornare indietro?
Non lo sapremo fino a quando non riusciremo sviluppare una tecnologia apparentemente inconcepibile. Tuttavia, vi è un modo molto semplice per scoprire se è possibile viaggiare nel tempo. È sufficiente individuare tra di noi quei viaggiatori del tempo che continuamente interagiscono con la nostra realtà quotidiana e che molti associano a entità extraterrestri.
.

siti web

2 commenti:

  1. <>
    Ma davvero..., E quanti ne sono stati trovati?
    Che garanzie avremmo di non essere da costoro imbrogliati,
    se fossero in realtà manifestazioni di origine soprannaturale?
    Se i viaggi nel passato fossero possibili, ci avrebbe già pensato il Diavolo
    a sistemare pentole a cui mancarono i relativi coperchi!

    RispondiElimina

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.