mercoledì 20 gennaio 2016

Biologo evoluzionista rivela come gli extraterrestri potrebbero riprodursi

Qualora gli alieni dovessero esistere veramente, come saranno i loro rapporti sessuali? Cosa succede quando un piccolo umanoide extraterrestre tenta di approcciarsi sessualmente con una femmina della sua stessa specie?
E, soprattutto, qual'è il loro metodo riproduttivo attraverso il quale dare il via a una nuova progenie di alieni? 
Ovviamente a questo angoscioso interrogativo nessuno è ancora in grado di fornire una risposta, visto anche la delicatezza della questione che potrebbe offendere il pudore di qualche extraterrestre .  Per giunta, fin'ora non risulta che degli esseri umani abbiano avuto occasione di sorprendere degli esseri provenienti dallo spazio in atteggiamenti affettuosi e particolarmente intimi.
A svelarci l'ancestrale arcano ci viene in soccorso un biologo evoluzionista che ha deciso di far luce su come gli alieni potrebbero fare l'amore.
La Dr.ssa Sarah Otto, direttrice del centro di ricerca sulla biodiversità presso l'Università del dipartimento di Zoologia della British Columbia, ha dichiarato a The Mirror online che gli esseri umani dovrebbero abbandonare i loro preconcetti legati alla terra, se vogliono capire veramente che cosa il sesso possa rappresentare per gli abitanti di un altro pianeta. 
"Che cosa sappiamo dei circa quattro miliardi di anni di evoluzione sulla Terra e cosa sarebbe se la stessa cosa sarebbe avvenuta su un altro pianeta?"
Lo scorso anno, una donna americana chiamata Niara Terela Isley ha affermato che degli alieni rettiliani l'avrebbero regolarmente violentata all'interno della loro base dislocata sul lato oscuro della luna.
Probabilmente gli alieni ci trovano molto affascinanti ed è per questo motivo che alcuni esseri umani lamentano spesso di essere stati molestati da strani esseri dall'aspetto bizzarro .Qualora queste creature extraterrestri fossero davvero in grado di avere dei rapporti sessuali così come gli intendiamo noi terrestri, allora dobbiamo chiederci se la loro sessualità binaria (maschile e femminile) possa avere tutti gli elementi necessari per essere replicata in una nuova specie aliena.
Erotismo Alieno 
Probabilmente la sessualità extraterrestre sarebbe completamente diversa dalla nostra, avendo sviluppato delle proprie linee evolutive. Sarah Otto ha affermato che è molto improbabile che su altri pianeti possa avvenire un approccio tra due sessi diversi perché il loro metodo potrebbe essere completamente diverso da quello terrestre.  Inoltre non è detto che il sesso maschile e femminile debba costituire una regola universale per cui non ci rimane altro che giocare di fantasia su come queste creature aliene possano conservare la loro specie. 
"Gli alieni potrebbero essere degli ermafroditi" ha suggerito Sarah Otto, il che significa che possono avere dei rapporti sessuali con loro stessi, anche se ciò potrebbe dipendere dal tipo di ET con il quale intendono avere un rapporto sessuale . Ciò significa che gli ET non avrebbero la necessità di trovare un partner per poi portarlo a letto".
"Gli organismi che possono muoversi e trovare altri compagni hanno più probabilità di avere rapporti separati," ha aggiunto Sarah Otto . 
"Non è da escludersi che questi alieni possano avere degli organi maschili e femminili in modo da sopperire alla mancanza del sesso antagonista ." 
Sarah Otto ha suggerito che un essere impossibilitato a muoversi, non sarebbe necessariamente meno intelligente di una creatura terrestre in grado di scegliere il proprio partner con cui accoppiarsi, per cui viene sollevata la prospettiva che forme di vita aliene potrebbero apparire più come degli alberi che come esseri umani.  È molto improbabile che in una galassia lontana, lontana, gli alieni abbiano la capacità di clonare se stessi, perché riproducendo il loro esatto patrimonio genetico potrebbero esporre la loro specie al rischio di essere spazzati via da una singola malattia.
Per giunta, se una creatura aliena dovesse clonare sé stessa, la specie non sarebbe in grado di beneficiare delle combinazioni e mutazioni che si verificano quando gli uomini e le donne fondono il loro codice genetico durante l'atto riprodutivo. Non tutte le specie sul nostro pianeta sono vincolate dalla disparità di sesso per dare alla luce a una nuova prole. 
"Invece del sesso maschile e femminile, alcune specie aliene potrebbero differenziarsi in categorie come A, B, C, D ed E", ha affermato Sarah Otto .
"Nonostante ciò, essi avrebbero la possibilità di beneficiare di diversi tipi di accoppiamento la cui multi sessualità non implicherebbe la partecipazione dell'altro sesso,  non essenziale per portare a termine l'accoppiamento ." 
Questo significa che gli alieni avrebbero la possibilità di venire coinvolti in caotiche orge, perché quando si tratta di produrre una nuova prole attraverso l'accoppiamento con più di due genitori allora la questione diventa piuttosto complessa.
Fonte di riferimento:mirror.co.uk

siti web

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.