venerdì 29 gennaio 2016

La Pompei marziana

Mars-Baby-Pompei su Marte
Il cacciatore di anomalie marziane, Scott C Waring, che gestisce anche l'aggiornatissimo sito ufosightingsdaily, è convinto di aver individuato sul pianeta rosso quello che secondo lui è il corpo pietrificato di un piccolo umanoide il che potrebbe rappresentare la prova che in epoche remote Marte era popolato da un'antica civiltà spazzata via da un terribile sconvolgimento ambientale. 
Scott Waring riferisce sul suo blog che la strana roccia potrebbe essere un'antica statua se non addirittura una persona pietrificata dall'incandescente cenere vulcanica.  Lo scorso anno la NASA ha rivelato che molto probabilmente erano attive delle antiche caldere sulla superficie di Marte e dei super vulcani più grandi di Yellowstone. La scoperta di questa insolita roccia che ricorda vagamente un corpo umano, getta qualche dubbio su ciò che potrebbe essersi verificato sulla superficie di Marte per cui non è da escludersi che un'antica civiltà possa essere stata spazzata via a seguito dell'eruzione di un enorme vulcano come avvenuto sulla Terra nell'antica Pompei.
Ovviamente gli scettici sono dell'avviso che l'anomalia individuata da Scott Waring potrebbe benissimo essere una roccia curiosamente sagomata dalla sabbia trasportata dal vento marziano e dalle forti escursioni termiche 
Il "bambino pietrificato" è l'ultimo di una serie di cosiddetti reperti marziani rinvenuti nelle immagini della NASA nel corso dell'ultimo anno. 
In alcune di panoramiche di Marte sono state individuate delle strane formazioni sedimentarie che ricordano molto dei fossili di trilocali oltre a delle rocce simili a granchi, aragoste, topi e persino a un orso. 
Mentre i cacciatori di alieni sono convinti che queste strane forme rocciose potrebbero rappresentare la prova dell'esistenza di antiche forme di vita su Marte, gli esperti della NASA e altri scienziati affermano che l'anomalia individuata da Scott Waring non è altro che un caso di pareidolia, un fenomeno ottico che si verifica nel momento in cui il cervello viene tratto in inganno nell'interpretare erroneamente degli oggetti per delle forme a noi familiari. 
© Fonte Video:Jason Hunter

Nessun commento :

Posta un commento

Anche con un centesimo di € potrai aiutare questo Blog a sopravvivere

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.