domenica 10 aprile 2016

Cosa si nasconde all'interno del cratere messicano che provocò l'estinzione dei dinosauri ?

Chicxulub
La perforazione senza precedenti in prossimità dell'enorme ​​buco lasciato dall'asteroide che ha cambiato la vita sulla Terra ha lo scopo di rivelare i particolari di quello che è considerato il più grande disastro ambientale della storia e trovare nuove ipotetiche forme di vita provenienti dallo spazio.
Quello che sta per iniziare è uno studio senza precedenti del cratere Chicxulub (Messico), il luogo dove cadde l'asteroide che determinò la scomparsa dei dinosauri. 
La nave Mirto, che ospita un gruppo di scienziati provenienti dal Messico, Stati Uniti, Regno Unito e di altri otto paesi dell'ECORD (Consorzio europeo di ricerche oceanografiche per la perforazione), sono già sul luogo in cui questa settimana dovrebbe iniziare la perforazione del cratere.   La nave, che fungerà anche come una piattaforma per gli scavi, è vincolata al fondo dell'oceano a nord della città di Merida grazie a tre sistemi d'ancoraggio che permettono all'imbarcazione di non risentire delle variazioni delle correnti oceaniche particolarmente forti a 30 chilometri al largo dalla costa della penisola dello Yucatan. Il compito degli studiosi è quello di perforare fino a raggiungere il fondo dell'oceano, a 1500 metri per poi effettuare delle trivellazioni parallele grazie alle quali inviare delle sonde proprio nel cuore del cratere.
In un primo momento, i ricercatori dovranno perforare a circa 600 metri su un fondale costituito da sedimenti oceanici che nel corso di 66 milioni di anni si sono depositati sul fondo.  
Completata questa fase, verranno effettuate delle trivellazioni per altri 900 metri fino a raggiungere il cratere stesso ed estrarre del materiale incontaminato da fattori esterni. Con questi campioni, gli scienziati sperano di ottenere due risultati principali.  Innanzitutto, si avrà modo di conoscere l'entità dell'impatto del corpo celeste dal diametro di circa 18 chilometri che provocò il più grande disastro mai avvenuto sulla Terra in 100 milioni di anni e calcolare quanta materia è stata sollevata in aria a seguito dell'impatto . Secondo alcune delle ipotesi, molte di quelle rocce incandescenti furono scaraventate nella stratosfera ove rimasero per mesi fino a oscurare i raggi del sole. 
Questo evento provocò una catastrofe ambientale su scala globale che portò all'estinzione di massa della metà di tutte le specie viventi presenti sul nostro pianeta, tra cui i dinosauri. Inoltre, gli scienziati sperano di trovare alcune forme di vita ancora sconosciute che potrebbero essersi sviluppate all'interno del cratere rimanendo isolate fino ad oggi. Il contatto delle rocce calde con l'acqua, avrebbe creato alcune condizioni chimiche particolarmente insolite.
In effetti, un impatto come quello di Chicxulub "potrebbe aver creato la vita sulla Terra" secondo quanto riferito alla BBC la professoressa Joanna Morgan, una delle persone più illustri impegnate nelle indagini .
I ricercatori stimano che la perforazione dovrebbe durare due mesi e se tutto andrà come previsto il processo potrebbe terminare entro la fine di giugno 2016, prima dell'inizio della stagione degli uragani.
I diversi laboratori allestiti in loco, consentiranno a ricercatori di condurre un primo esame dei campioni ottenuti, anche se lo studio principale verrà condotto nel laboratorio del programma oceanografico Internazionale Discover, con sede a Brema (Germania).
rt.com

Nessun commento :

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.