giovedì 7 aprile 2016

Gli scienziati spiegano cosa potrebbe nascondersi dietro alle Abduction

42-30592821
Tyler Kokjohn, che ha conseguito un dottorato di ricerca in Biochimica, ha avvertito che le ipotesi formulate dagli investigatori del paranormale dovrebbero essere testate e di conseguenza ponderate con estrema cautela. 
Alcuni di questi test includono l'utilizzo di emergenti tecnologie per le analisi genetiche che potrebbero effettivamente identificare delle adulterazioni genomiche in alcuni individui. Tuttavia, l'opportunità di avvalersi di questo tipo di test sembra essere di minimo interesse per gli investigatori dei presunti rapimenti alieni. Sembra ragionevole sospettare che tale fenomeno possa aver preso alla sprovvista i ricercatori che unitamente all'impreparazione degli investigatori non sono riusciti ad affrontare in modo adeguato la questione anche in un'epoca in cui i progressi scientifici avrebbero permesso loro di convalidare o negare le loro affermazioni fantastiche. 
Piuttosto che cercare avidamente il potenziale atto a convalidare tali ipotesi, gli investigatori sembrano invece temere i risultati che potrebbero provenire da  tali test i cui esiti potrebbero far rivedere le loro conoscenze finora messe in pratica sul genoma umano. Riferendosi alla sindrome della scomparsa del feto a seguito di un rapimento alieno, Kokjohn ha spiegato che, durante la gestazione, le cellule del feto possono rimanere all'interno della gestante per anni o anche decenni anche dopo la nascita o l'interruzione della gravidanza. 
Ora, due potenti metodi di analisi genetica possono abbreviare notevolmente i tempi d'attesa dei risultati ottenuti dagli esami clinici attraverso un semplice prelievo di sangue dal corpo della madre. 
Ciò,ovviamente, permette agli investigatori di conoscere meglio le gestanti, così come coloro che sostengono di aver sperimentato esperienze traumatiche a seguito di ipotetici rapimenti alieni , nel tentativo di ottenere elementi di prova atti ad avvalorare quanto sostenuto dalle donne in gravidanza.
E 'ragionevole mettere in discussione criticamente l'apparente mancanza di interesse collettivo dei ricercatori che in assenza di prove certe preferiscono spiegare il fenomeno come delle irrazionali paure delle gestanti preoccupate per ciò che sentono muoversi all'interno all'interno del loro corpo che in alcuni casi viene interpretato come qualcosa di estraneo e fastidioso.
di Jack Brewer

5 commenti :

  1. Abbiamo paura di perdere il posto di lavoro..la faccia.. Il rispetto dei colleghi..se fossimo sicuri di scoprire qualcosa che non porti un beneficio al mondo intero lo riveleremmo ma c'è il pericolo di pestare i piedi a chi sta sopra di noi nella piramide..chi sostanzialmente si occupa del lato pratico,buropratico.. I finanziatori .. Corporazioni che seguono il sistema bizantino e non investono capitali a lungo termine ma solo in risultati immediati,con immediati guadagni.
    Sembra sensato? Sembra comodo!
    Ogni idea alternativa sembra finire in una jungla burocratica e cameratismo scientifico, spesso ci domandiamo perché siamo ancora così arretrati tecnologicamente , ma é ovvio!
    Se l'economia mondiale viene assorbita da una piccola élite , con le briciole che restano ed i cavilli burocratici che pendolano Su di noi... possono strumentalizzare ogni cosa.
    Perché tirare questi fili e tramare comode maglie sociali per gli amici é un buon modo per socializzare ai piani alti..ecco che petroliferi o industrie delle armi si fanno la bella vita, altro che briciole a panama.
    Farci sentire imponenti é il risultato voluto!
    Non serve ucciderci tutti, ma limitarci così tanto che basta mandarci nel panico con qualche attentato ben strutturato! Perché? Così da non farci le domande giuste.. Quali?.. Eddai che le sapete..

    RispondiElimina
  2. Ciazioni:

    Le notizie da controinformazione o informazione alternativa, potrebbero anche essere piu' fasulle e distorte delle stesse informazioni ufficiali! Bisogna sempre usare il principio di parsimonia o di economia delle ipotesi, e scartare a priori tutte le ipotesi o teorie che risultano poco verosimili,troppo tirate e quindi insensate.
    E' un principio, questo, che viene spesso eluso e dimenticato, ma e' quello giusto!

    RispondiElimina
  3. Le informazioni ufficiali fasulle o distorte, per natura sono accettate perché avvalorate da altre strutture allineata a quella versione dei fatti.
    Le teorie poco verosimili o troppo tirate ,dietro l'insensatezza evidente,sono anch'esse accettate però..
    Perché? per principio di indignazione davanti alle crudeltà di una vita limitata e fuorviata ed a un evidente divorazione economica dove i pochi hanno troppo e i molti niente!
    Eludere e dimenticare sono le capacità di chi vuole raggirarti e farti ricordare ciò che vuole, mentre sei obbligato ad andare avanti.. Principii egoici...
    Ma si..c'è qualcuno per cui giustizia sia negare che in passato l'élite a stampo esoterico nom abbia avuto rapporti con personaggi influenti, le presenze aliene nei nostri cieli vulcani e cerchi nel grano siano solo fuffa e bravate , ed i vari maestri incarnati portatori di semplici messaggi poco inerenti alla vita quotidiana... Ecc ecc
    Ragioni! I principi dimenticati sono ben altri, ed il senso di parsimonia si conforma alle strutture limitanti in cui Siam tutti immersi.. Far economia delle ipotesi sarebbe utile se le ipotesi ufficiali avessero veritiere e con la verita si può speculare mentre con le informazioni alternative direi di no..fatti 2 conti e poniti di conseguenza,chi ricerca gli alieni scappa o va incontro alla verità?..religione o spiritualità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo discorso non e' accettabile!

      Elimina
  4. Il suo commento perentorio invece non permette elucubrazioni di sorta,rendendo la sua capacità d'accettazione l'unica cosa inalienabilmente accertata..
    Tuttavia mi sento di risponderle avanti..la rigidità con cui pone tanta negazione non è da persona che si pone dei dubbi,delle domande.. Gli alieni NON sono certezza,bisogna impaginare la pagina di questi argomenti con un ENORME : I WANT BELIVE.

    RispondiElimina