domenica 24 aprile 2016

Quando la guerra fredda spinse all'estremo lo sviluppo delle tecnologie spaziali

Alan Shepard
Se molti progressi scientifici sono stati fatti durante quest'ultimi 50 anni, probabilmente lo si deve anche a quel particolare periodo della storia che ha visto contrapposte le due maggiori potenze del pianeta in un conflitto virtuale conosciuto da tutti come "Guerra Fredda". 
Con la pretesa di esercitare la loro influenza strategica all'interno dei rispettivi blocchi, sia l'Unione Sovietica che gli Stati Uniti hanno influenzato negativamente l'assetto geopolitico dell'intero pianeta. In questo contesto storico, le rispettive agenzie spaziali si sono viste costrette a dar fondo ad enormi risorse economiche pur di primeggiare nel controllo dello Spazio diventato motivo di scontro in vista di ipotetici conflitti stellari conseguenti alla gestione egoistica di tutto ciò che avrebbe potuto rappresentare fonte di guadagno. Indubbiamente se non ci fosse stata per questa pericolosa rivalità tra le due superpotenze, l'uomo non avrebbe mai camminato sulla Luna. Ad esprimere tale convinzione è il comandante dell'Apollo 10 Thomas Stafford che in un intervista rilasciata per la radio Lettone, CBC ha affermato gli Stati Uniti valutarono positivamente il primo volo di Yuri Gagarin che per l'umanità rappresentò un evento storico su scala globale piuttosto che una perdita d'immagine da parte degli Stati Uniti . Per ricordare quella data storica, ogni 12 aprile si celebra in Russia il Giorno della cosmonautica. 
Da ricordare inoltre che subito dopo questo evento, una capsula con a bordo Alan Shepard riuscì a completare un volo suborbitale. Tre settimane più tardi, il presidente Kennedy incaricò i vertici dell'agenzia spaziale di dirigere la navicella spaziale in direzione della luna. Sicuramente se Gagarin non avesse fatto il suo primo volo nello spazio, l'ordine di atterrare sulla Luna son sarebbe mai stato impartito.  Tale cambiamento di programma probabilmente è stato motivato dal fatto che Alexey Leonov risultò ad essere il primo uomo a compiere una passeggiata spaziale come parte della missione Voskhod condotta tra il 2 e il 18 marzo 1965.  Il Programma test Apollo-Sojuz (ASTP) fu la prima collaborazione tra gli Stati Uniti d'America e l'Unione Sovietica nel settore dei voli nello spazio. Il 17 luglio 1975, una navicella spaziale del programma Apollo ed una capsula Sojuz si agganciarono nell'orbita intorno alla Terra, consentendo ai due equipaggi di potersi trasferire da una navicella spaziale verso l'altra., segnando un passo importante nelle relazioni tra USA-URSS diventando in questo modo l'archetipo della futura Stazione Spaziale Internazionale.
sputniknews

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.