mercoledì 8 giugno 2016

I contattisti-canalizzatori accusati ingiustamente di evocare gli Ufo

Billy Meier
James R Lewis autore di "UFO e cultura popolare: l'enciclopedia di un mito contemporaneo" e Jerome Clark con il suo libro "Incontri straordinari: Enciclopedia extraterrestre e esseri dell'altro mondo" offrono alcune suggestive teorie sugli extraterrestri e su come questi vengano interpretati dalla fantasia popolare.
I racconti hanno lo scopo di dare un senso a un mondo senza senso che trae origine dalla sottocultura della metafisica. Keith Macdonald un silenzioso contattista-canalizzatore ha costruito un vasto ed elaborato cosmo imperniato intorno al mondo del "Lands '. La storia evoca i mondi immaginari di 'Helene Smith' e 'Kirk Alore' i cui personaggi sembrano avere qualche collegamento con la sindrome degli intrighi e la veglia finalizzata a raggiungere gli stati ipnagogici e onirici dell'alta creatività. 
Un suggerimento simile è stato proposto da Peter McKeller nel suo studio del tutto simile a quelli condotti da alcuni autori come Enid Blyton. Nella sua prefazione relativa alla raccolta di Lewis Eddie Bullard egli fa notare la natura stereotipata di alcuni racconti di rapimento, e ripone la sua vecchia questione del perché queste storie non si diffondono in altre direzioni e soprattutto il motivo per cui esse sembrano essere frutto di una narrativa abilmente elaborata. Egli afferma che la stessa questione vale anche per il movimento dei contattisti-canalizzatori che avrebbero le doti di evocare a loro piacimento invisibili entità provenienti da altre dimensioni .

Nessun commento :

Posta un commento