giovedì 16 giugno 2016

Il creatore di Facebook accusato ingiustamente di essere una lucertola

zuckerberg-reptiliano
Qualche tempo fa, sulla copertina del Time è stato pubblicato un primo piano di Mark Zuckerberg che tanto ha fatto discutere i teorici della cospirazione rettiliana. Qual'è il motivo di tali acerrime speculazioni?
Ovviamente sono i suoi strani occhi verdi insolitamente luminosi e vagamente simili a quelli di una lucertola. Tutto sembra indicare che i rettiliani sempre più spesso verrebbero smascherati dagli osservatori attenti poiché ultimamente avrebbero delle difficoltà nell'occultare il loro vero aspetto. Ora è la volta di Mark Zuckerberg, che durante una sessione di domande e risposte organizzata su Facebook live Q & A, egli ha riconosciuto che non vi sono motivi per affermare l'esistenza di creature rettiliane accusate in più occasioni di esercitare un controllo mirato dell'umanità. Perlomeno questo è ciò che sostiene quel grande genio e creatore di Facebook che ha negato in modo deciso di essere una lucertola dall'aspetto umano. Tutte queste storie di rettili umanoidi sono tutte frutto di una fervida immaginazione? Secondo gli esperti in materia, tutto ciò verrebbe avvalorato dalle numerose leggende sugli dèi serpenti che nel corso dei millenni sono state riportate in varie parti del mondo, dal Sud America, il Giappone fino alla Cina antica. Oltre ai miti e leggende, alcuni testi parlano in modo esplicito di esseri serpente che una volta vivevano sulla Terra. 
La Bibbia parla di una razza di rettili chiamati serafini i quali sono citati anche nel libro di Isaia. Molti teorici della cospirazione affermano che gli esseri rettili farebbero ricorso a un sistema olografico in grado di interferire nel nostro campo visivo. Questi viscidi esseri si sarebbero infiltrati nella nostra società fino a raggiungere i massimi livelli, con il solo scopo di dominare e gestire il decorso evolutivo dell'Umanità . Tale è stato l'impatto sociale di questa teoria, che alcuni politici sono stati costretti a negare tutte quelle accuse che vedono in loro degli infiltrati travisati da umanoidi. Uno di loro, probabilmente, era John Key, il primo ministro della Nuova Zelanda che dopo una richiesta sulla base delle richieste relative alla divulgazione delle informazioni pubbliche (FOia), si è visto costretto a ricorrere alle consulenze dei medici e veterinari solo per assicurare la gente che in realtà non era un alieno rettile in grado di cambiare forma.
mundoesotericoparanormal.

7 commenti :

  1. Una volta sarebbe passato per matto qualcuno che volesse rispondere seriamente a tali accuse.. Grazie a dio ci stiamo rendendo conto di chi ci circonda.. Non sarà lui e forse neanche quello dopo,ma un fottuto rettiloide prima o poi salterà fuori.
    *( )

    RispondiElimina
  2. Facciamo analisi DNA e smettiamola....

    RispondiElimina
  3. E ora di finirla di propinare tali storie che sono state divulgate dal quel fanatico pazzoide di David Icke e le sue teorie assurde su rettiloidi... inesistenti!

    RispondiElimina
  4. Inesistente come il tuo discernimento. Guarda la storia e il ritorno costante di esseri rettiliani /serpentini, non é possibile che si sbaglino in ogni parte del mondo in età differenti.
    Inoltre Ufologicamente parlando é statisticamente possibile, pensaci. E domandati perché non vuoi crederci...
    Non si tratta di complotto o cospirazioni, ma data per certa l'esistenza degli alieni, si parla di probabilità ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo discorso non e' accettabile! simili esseri non risultano nella casistica degli incontri ravvicinati del 3 tipo! non risultano neanche nei casi del progetto blue book! e non e' questione ci credere o non credere, ma di vedere i fatti certi! si sta andando, con queste cose, troppo sulla linea dei complottisti e fuori dall'ufologia! Basta con le storie alla David Icke!E' la rovina del web!!!

      Elimina
    2. Per quanto concordi con l'importanza di mantenere una linea, tuttavia la potenziale vastità delle forme di vita extraterrestri intelligenti ed in visita sui nostri cieli,bisogna considerarla.
      Inoltre gli incontri del terzo tipo sono relegati agli ufo, benché molti avvistamenti sono avvenuti in assenza di astronavi.
      Fermo restando che il bloo book non riporti niente del genere,bisogna considerare l'interesse governativo a limitare la divulgazione.
      Concordo che l'ufologia sia un tempa rispettabile e da non mescolare con altre branche.

      Elimina
  5. I COMPLOTTISTI: LA ROVINA DELLA CAUSA UFOLOGICA!

    Perche' i complottisti sono la rovina della causa ufologica?! Perche' sono quelli che hanno propinato e gonfiato fino all'inverosimile le storielle di presunti alieni rettilodi manipolanti il genere umano dal tempo che fu'. Esseri pseudo-alieni che non esistono affatto, come le teorie propinate che sono avulse e fuori dalla storia stessa. .Con queste storielle e capri espiatori inverosimili e inesistenti, avete danneggiato l'essenza stessa della causa ufologica, che per il futuro prossimo, si prefigge il contatto con altre civilta aliene dell'universo con tutte le implicazioni che comporteranno per il genere umano. Un evento da accettare in buona logica e buon senso nell' interesse di tutta la razza umana e non come una minaccia paranoica e inesistente come fanno, a torto, i complottisti piu'fanatici! Invitiamo altresi' tutti gli ufologi e tutti coloro che seguono con buon senso la questione ufo e alieni, a dissociarsi nettamente da simili impostazioni fuorvianti, controproducenti e assurde, onde evitare ulteriori danni irreparabili per tutta la casusa ufologica! Centro Ricerche######

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.