venerdì 24 giugno 2016

Il pianeta Nibiru rappresentato dal Crop Circle apparso nello Wiltshire?

Crop Circles
Se la teoria dei vortici di plasma dovesse risultare corretta, allora i suoi sostenitori potrebbero spiegare il gran numero di avvistamenti UFO segnalati poco prima della comparsa di alcuni spettacolari Crop Circle, con grande dispiacere dei sostenitori della teoria ETH.

Tali vortici luminosi osservati in diverse occasioni nel buio della notte sembrano produrre degli effetti elettrici particolarmente devastanti, come quelli descritti in occasione di molti incontri con gli UFO. Un certo numero di esempi vengono esposti nel libro di Meaden il quale fornisce alcune testimonianze oculari tra cui quella di Arthur Shuttlewood, che insieme a un gran numero di altri testimoni avrebbe avuto modo di sperimentare tali fenomeni energetici. Questa nuova scoperta, non fa altro che infittire il mistero dei cerchi nel grano innescando le solite polemiche all'interno della comunità scientifica soprattutto tra i matematici e gli scettici. 
L'astronomo Gerald S. Hawkins, si era talmente interessato alle sofisticate proprietà matematiche di alcuni cerchi nel grano, che ha ritenuto opportuno coinvolgere alcuni esperti di altissimo livello particolarmente preparati nel campo della matematica.  Ciò nonostante non è da escludere che qualche civiltà avanzata stia facendo di fare del suo meglio per cercare di spiegare che è giunta l'ora di utilizzare i magnetron attraverso i quali creare delle onde a microonde capaci di separare le molecole dell'acqua dall'idrogeno e ossigeno. Un magnetron è una camera di risonanza in cui l'elettricità delle linee di forze magnetiche agiscono tra loro per creare una radiazione a microonde. L'ultimo Crop Circle segnalato il 23 giugno 2016 è apparso nella contea inglese di Wiltshire (Ridgeway, nrHackpen Hill, Wiltshire).  Probabilmente il Crop Circle vuole rappresentare un cattivo presagio per l'umanità, attraverso il quale viene annunciata la morte di un re o imminenti eventi catastrofici suggerendo che presto potremmo confrontarci con eventi inaspettati.

1 commento :