NORAD: "ogni anno continuiamo a registrare un considerevole aumento di inspiegabili intrusioni radar"

Ufo radar
I documenti recentemente attenzionati dal governo canadese sembrano dimostrare una certa preoccupazione da parte di quegli Enti preposti alla sicurezza nazionale per via delle sempre più frequenti incursioni aeree non autorizzate perpetrate da parte di inusuali oggetti volanti non identificati che soventemente avrebbero violato lo spazio del Nord America.
Secondo quanto riportato dal sito express.co.uk ciò equivarrebbe a circa 360 rilevamenti radar che ogni anno sembrano avvalorare quelle che secondo gli addetti al monitoraggio aereo rappresentano delle autentiche incursioni UFO.  In base alle informazioni rilasciate dal Comando di Difesa Aerospaziale del Nord America meglio conosciuto come (NORAD) molte di queste intrusioni si sarebbero verificate ripetutamente nel corso di quest'ultimi anni anche se alcuni ufologi hanno salutato la statistica rilasciata dagli Enti governativi come la prova finale che il fenomeno UFO non è affatto una leggenda metropolitana ma piuttosto qualcosa di reale al punto da aver suscitato l'interesse da parte di alcuni vortici militari. Ciò nonostante continua a rimanere un velo di segretezza su quello che è successo veramente nel momento in cui alcuni di questi oggetti sono stati intercettati dai sistemi di sicurezza dislocati a terra.  Probabilmente il fenomeno è stato affrontato per motivi di sicurezza nazionale come qualcosa di artificioso proveniente dalla Terra. I dati sono stati messi a disposizione dei numerosi ricercatori UFO a seguito di una loro richiesta attraverso la quale accedere ai file segretati dal governo in osservanza della normativa sancita dalla legge dell'Information Act.  In una risposta del NORAD a seguito delle numerose interpellanze inoltrate dai cittadini affinché venissero divulgati i contenuti di alcuni rapporti di avvistamenti UFO si veniva a conoscenza che non potevano essere evase poiché le relazioni rientravano in un protocollo estremamente classificato e quindi non potevano essere rilasciate per motivi di sicurezza nazionale e di spionaggio. Ripetutamente gli Enti governativi del nord America hanno preferito non divulgare tali informazioni, perché gli effetti sarebbero stati devastanti sull'opinione pubblica alla quale non si poteva negare il diritto di "sapere". Quello che appare certo è che il comandante del NORAD ha approvato il rilascio solo di una piccola parte delle numerose informazioni in suo possesso molte delle quali relative al tracciamento radar di oggetti volanti non identificati. "La media annua negli ultimi cinque anni è stata di 1.800 intrusioni aeree e 75 intercettazioni" ha dichiarato un'anonima gola profonda del NORAD.
Tali intercettazioni avvengono nel momento in cui il NORAD autorizza il decollo di una squadriglia di caccia militari in perenne stato d'allerta soprattutto in prossimità di quelle aree strategiche particolarmente delicate, al fine di individuare e identificare l'eventuale intrusione di oggetti volanti non identificati qualora venissero rilevati all'interno di uno spazio aereo interdetto . 
"Per garantire l'immediata intercettazione di oggetti volanti non identificati i jet militari sono armati e pronti a decollare nell'arco di pochi minuti dalla ricezione di un ordine di decollo" ha aggiunto l'informatore anonimo.
Tuttavia il NORAD ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli circa le 75 intercettazioni aeree avvenute nel corso degli ultimi cinque anni, quindi non è ancora chiaro se qualcuno di questi oggetti sia stato effettivamente identificato dai caccia intercettori fatti decollare nell'immediatezza dei fatti. Anche se il ricercatore Viggiani è riuscito ad ottenere solo alcune delle numerose informazioni in possesso dell'aeronautica statunitense facendo ricorso al diritto di accesso ai file classificati in virtù' delle leggi vigenti sulla libera informazione, egli ha affermato che tali relazioni sono destinate a non essere condivise senza una preventiva autorizzazione da parte delle Autorità Militari competenti. 
Per questo motivo l'ufologo Victor Viggiani ha chiesto al NORAD di ottenere delle ulteriori informazioni circa il monitoraggio e l'intercettazione di eventuali UFO dopo essere venuto in possesso di una serie di documenti segreti fatti trapelare da una fonte sconosciuta che tuttora sembra operare all'interno del complesso sistema informatico gestito dal governo degli Stati Uniti.

Commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...