giovedì 27 ottobre 2016

Telescopio immortala accidentalmente un'entità biologica "Zeroid"

zeroids biological entities space
Sono decine i composti organici che finora sono stati identificati nello spazio, tra cui la formaldeide, l'acido prussico e molti altri ancora. In realtà delle bioformi Entità aliene sono state ben documentate anche dal Dr. Franklin Ruehl, un ufologo e Cryptozoologo statunitense che ha ottenuto un master in fisica nucleare e teorica presso la UCLA.
In breve, vi è una notevole abbondanza di elementi di base là fuori tali da consentire l'evoluzione di entità biologiche meglio conosciute come zeroids. Secondo il Dott Ruehl, gli zeroids potrebbero essersi evoluti nel 'vuoto' dello spazio esterno, presumibilmente traendo risorse da una materia organica a noi sconosciuta.Se tale teoria dovesse risultare corretta, tali creature non avrebbero bisogno di pianeti per sopravvivere e svilupparsi e questo significa che potrebbero essere considerate le prime forme di vita ad aver fatto la loro comparsa nel nostro universo in continua espansione. Gli zeroids avrebbero potuto percorrere grandi distanze e colonizzare di conseguenza intere galassie. Dotati di estrema mobilità e intelligenza, non è escluso che alcuni di questi zeroid possano aver penetrato la nostra dimensione occupando vasti settori di cielo . Le seguenti foto scattate durante l'eclissi lunare del 29 settembre 2015 mostrano alcune immagini di quello che apparentemente sembra essere un'entità biologica Zeroid che insieme alle cosiddette aste volanti (Rods) fanno ritenere che altre elementari forme di vita potrebbero aver trovato nel freddo vuoto cosmico l'habitat ideale in cui sopravvivere.
Anche con un centesimo di € potrai aiutare questo Blog a sopravvivere

Nessun commento :

Posta un commento