giovedì 2 marzo 2017

Antartide, evacuazione di massa e strane operazioni militari

Massive evacuation in Antarctica
Cosa sta succedendo in Antartide, soprattutto in quest'ultimi cinque mesi? Cosa ha spinto l'esercito americano e quello russo a raggiungere un enorme crepaccio apertosi inspiegabilmente proprio in prossimità della base nazista meglio nota come Nuova Svezia?
Si può solo supporre che i militari stanno cercando di nascondere qualcosa omettendo di divulgare la notizia al mondo intero su ciò' che avrebbero effettivamente scoperto, soddisfacendo così i motivi per cui sono stati inviati in Antartide in gran segreto. Tutta questa segretezza ricorda le scene del film 'Alien vs Predator' del 2004, quando un satellite rileva una misteriosa emanazione di calore sotto Bouvetøya, un'isola a circa 1.000 km dalla costa dell'Antartide. Particolare interessante è che il 20 gennaio 2017, questo strano evento è stato accompagnato dall'arrivo nel mare di Lazarev, della nave di ricerca oceanica appartenente alla flotta russa del Baltico, comandata dall'ammiraglio Vladimirsky, la cui imbarcazione avrebbe raggiunto l'Antartide per la prima volta dopo aver trascorso 30 anni di navigazione a vela. 
L'attracco è avvenuto a 12.100 miglia dal mare di Lazarev proprio di fronte alla fantomatica base nazista di Neuschwabenland chiamata anche la nuova terra di Svevia (Queen Maud Land). La Nuova Svevia è stata esplorata in modo accurato dalla Germania nazista già nei primi mesi del 1939 probabilmente per allestire una stazione meteorologica o una segreta base militare in cui nascondere l'oro nazista e i criminali di guerra.  I partecipanti della spedizione russa composta da scienziati e militari, hanno eseguito con successo i compiti di a cui erano stati preposti, ufficialmente sotto l'egida della ricerca idrografica e meteorologica delle zone antistanti il mare dell'Antartide.
È importante sottolineare che la spedizione di ricerca è stata avviata pochi mesi prima che il patriarca di Russia effettuasse un breve sopralluogo in Antartide con lo scopo di eseguire un misterioso rituale a nome della chiesa ortodossa .
E' chiaro che qualcosa di strano sta succedendo in Antartide, visto che agli inizi di quest'anno è stato annunciato che i prossimi visitatori saranno i militari della flotta russa di stanza nel Baltico. Come annunciato pochi giorni fa dal governo russo, la flotta del Baltico dovrebbe attraccare in Antartide entro la fine di quest'anno. Molti si chiedono che cosa spinge una grande flotta militare di calare le proprie ancore proprio lungo le coste prospicienti un desolato continente caratterizzato esclusivamente da insignificante ghiaccio. Le navi della flotta russa del Mar Baltico, fanno parte di una delle principali divisioni regionali della Marina russa, la quale avrebbe organizzato per il 2017 una serie di viaggi a lungo raggio. Secondo quanto dichiarato all'agenzia di stampa TASS, il portavoce ufficiale flotta russa, Martov tutte le unità della flotta del Mar Baltico sarebbero state messe in perenne stato d'allarme in vista di possibili attacchi dal mare in modo da poter svolgere i compiti prefissati nel più breve tempo possibile. Secondo alcune indiscrezioni, in Antartide sarebbe stata scoperta attraverso la termografia una misteriosa piramide sepolta a 2.000 piedi sotto lo spesso strato ghiaccio. A seguito della scoperta sarebbe stata inviata una squadra di ricercatori, tra cui archeologi, esperti linguistici, perforatori, e mercenari la cui missione è quella di condurre una serie d'indagini su quanto rilevato nell'antico sottosuolo antartico. 
Addirittura si sospetta un'operazione militare russo-americana che si prefigge di intrappolare sotto i ghiacci eterni una specie aliena nel tentativo di isolarla definitivamente dal resto del mondo impedendole di venire in superficie e diffondere un qualche tipo di virus extraterrestre. 
Se sei dei nostri sostienici con un caffe' macchiato

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.