sabato 18 marzo 2017

Satelliti russi e americani intenzionalmente dirottati dagli alieni?

satelliti russi e americani
Il 10 febbraio 2009, nella penisola russa della Taimyr si verificò il primo e l'ultimo scontro tra satelliti artificiali. Ad un'altitudine di 788.6 chilometri il dispositivo orbitale "Cosmos-2251", di proprietà delle Forze spaziali russe, andò a schiantarsi con un satellite di comunicazione statunitense "l'Iridium 33", di proprietà della US Cellular Operation «Iridium» (fonte esoreiter.ru).
La velocità del velivolo russo era stimata intorno ai 7470 metri al secondo mentre la sua massa era pari a 900 chilogrammi, a differenza del satellite degli Stati Uniti il cui peso si aggirava intorno ai 600 chilogrammi. 
L'incidente spaziale avrebbe prodotto un gran numero di detriti spaziali tali da costituire una seria minaccia per l'intera rete satellitare. Il 13 Gennaio 2012 con l'aiuto del modulo russo, La Stazione Spaziale Internazionale "Zvezda" avrebbe evitato in extremis l'impatto con uno dei detriti lasciati dal satellite americano "Iridium 33". In tutti questi anni gli esperti russi erano convinti che la collisione satellitare fosse stata provocata da fattori accidentali fino a quando non sono emersi nuovi particolari sull'accaduto. 
Pochi giorni fa, uno degli ex dipendenti dell'agenzia spaziale americana ha deciso di far luce su questo increscioso incidente e raccontare alla comunità mondiale su come si sono svolti veramente i fatti. L'ex dipendente della NASA afferma che l'incidente è stato il risultato di alcune attività orbitali condotte dai rappresentanti di una civiltà extraterrestre il cui scopo era quello di sabotare alcuni satelliti artificiali ritenuti particolarmente pericolosi per il futuro del genere umano. Secondo quanto riferito dall'Informatore della NASA, tutte queste informazioni sarebbero state accuratamente classificate e tenute nascoste all'opinione pubblica in modo da non innescare il panico tra la gente comune. 
Lo specialista della NASA che preferisce mantenere l'anonimato in modo da non cadere nelle mani delle agenzie di intelligence degli Stati Uniti, riferisce di avere tutte le buone ragioni per temere della sua incolumità visto che il materiale in suo possesso potrebbe rappresentare un punto di svolta per quanto riguarda l'interferenza aliena su alcuni dispositivi satellitari progettati per la militarizzazione dello spazio. La fonte anonima sostiene che i satelliti "Cosmo-2251" e "Iridium 33 'all'atto dell'incidente stavano osservando orbite diverse per cui la collisione non si sarebbe dovuta verificare se non a seguito della manomissione inyenzionale del programma di navigazione. 
In quella data, gli americani si accorsero di aver perso improvvisamente il controllo del loro satellite che inspiegabilmente aveva iniziato a muoversi per conto proprio senza più rispondere ai comandi impartiti da Terra.
Un particolare strano è che il Satellite statunitense cambiò bruscamente rotta come se guidato da una forza invisibile che ne determinò lo schianto contro il dispositivo russo posizionato in un'orbita diversa. A seguito dell'incidente,fu subito allestita una commissione speciale della NASA i cui esperti erano stati incaricati di svolgere le indagini del caso e classificare immediatamente i risultati ottenuti dalle stesse. Secondo la versione ufficiale,il satellite russo "Kosmos-2251" e quello americano "Iridium 33," volavano alla stessa quota al punto da incrociarsi accidentalmente. 
Una domanda rimane: perché le Autorità russe non hanno subito incolpato gli americani? Probabilmente volevano nascondere il fatto che gli alieni non solo esistono, ma sarebbero in grado di disabilitare facilmente i satelliti in orbita?
esoreiter.ru
Anche  tu puoi diventare un sostenitore di questo Blog

1 commento :

  1. Se fossero capaci di tali azioni c'è da domandarsi quali intenzioni abbiano visto che, il loro monitorarci ed evidentemente salvaguardarci sono una palese limitazione delle loro possibilità d'azione...

    RispondiElimina

Anche con un centesimo di € potrai aiutare questo Blog a sopravvivere

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.