mercoledì 8 marzo 2017

Trump promette di tornare sulla Luna

Trump Moon
Dobbiamo ammettere che il neo presidente degli Stati Uniti d'America ha una particolare predisposizione nel promettere incredibili iniziative e metterle in atto immediatamente seppur in un contesto sociale molto discutibile e discriminatorio.
Per questo motivo non ci deve sorprendere che la nuova amministrazione abbia intenzione di stimolare i vertici della NASA affinché uscissero dal loro stato letargico ed iniziassero a prendere in esame la possibilità di intraprendere nuove missioni spaziali con equipaggio in modo da riesumare quella supremazia spaziale ottenuta nel corso degli anni 60 con le varie missioni Apollo. 
Bisogna ricordare che otto anni fa, Barack Obama decise di annullare il programma Constellation, creato sotto la presidenza di George W. Bush, che prevedeva di far tornare l'uomo sulla Luna entro il 2020. 
Secondo Obama, il programma era troppo costoso per le casse dello Stato e che la NASA aveva "perso interesse", soprattutto dopo la riduzione dei finanziamenti destinati al programma dello Space shuttle, il fiore all'occhiello del flotta spaziale statunitense . Ora, con la nuova amministrazione, la NASA promette che entro il 2030 saranno inviati degli uomini su Marte, coronando il sogno di allestire avanzati avamposti scientifici attraverso i quali studiare l'ambiente del pianeta rosso e cercare elementari forme di vita unicellulari. 
Se la scelta dell' amministrazione Trump sarà quella di iniziare una nuova politica spaziale, allora verranno a crearsi quelle condizioni da permettere agli Stati Uniti di programmare una missione di lunga durata verso Marte. L'idea di un viaggio verso Marte continua ad affascinare la popolazione degli Stati Uniti condizionata anche dalle campagne propagandistiche condotte dalla NASA e dai film di fantascienza made in Hollywood. Nei prossimi otto anni potremmo assistere ad una progressiva ed aggressiva spinta tecnologica per quanto riguarda la messa in orbita di centinaia di satelliti e la riprogrammazione del ruolo assolto finora dalla Stazione Spaziale Internazionale.
Questo perché l'amministrazione Trump vuole, o meglio esige il ritorno dell'uomo sulla Luna che dovrà concretizzarsi il più rapidamente possibile e senza badare a spese astronomiche,assolutamente necessarie per l'avvio del nuovo programma spaziale. Tale ambizione è dimostrata in alcuni documenti interni riportati dal sito Politic , lo scorso febbraio, che descrivono quello che dovrà diventare un drastico cambiamento di rotta per quanto riguarda le future missioni della NASA.
ovnihoje.com

22 commenti :

  1. Grande Trump, rinascerà l'America e la corsa alla conquista dello spazio. Solo così si sono avute grandi scoperte altro che quel figlio dei fiori di Obama

    RispondiElimina
  2. Ahahahahah stai sempre a commentare me sembri uno stolker. A che pro dovrei usare diversi nickname? Per fare dispetto a te? Credi di essere così importante? Già è un miracolo se ti rispondo, ma è l'ultima volta credi a ciò che vuoi.

    RispondiElimina
  3. Te e Altharel siete la stessa persona! un subdulo inganno da complottari! SIC! p.s. ecco perche' vi appoggiavate a vicenda!

    RispondiElimina
  4. Avevo detto che era l'ultima volta che ti rispondevo...ma mi diverto molto o
    forse mi sto un po rinco....nendo a perdere tempo con te.
    Ti pongo un quesito: se fossi Altharel e Sotuknang allo stesso tempo x fare il complottaro, come mai non scrivo da tanto tempo come Altharel?
    Non metterci 30anni di ricerche x trovare la risposta.

    RispondiElimina
  5. Ma perché secondo voi gli americani ci hanno mai,messo piede sulla Luna?ma fatemi il,piacere

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. IL PRIMO ANONIMO.
    io invece credo che sulla luna ci siamo andati, ma si deve essere scoperto qualcosa che ci ha "turbato". Sennò non vedo il motivo per non aver progettato una colonia di ricerca là.
    Comunque sia caro sotuknag, smettila di rispondere ad alien per cortesia tanto dice sempre le solite 3/4 cose. Cosa te ne importa se pensa che hai 7 nick name . comunque è tanto che arthel non scrive, che gli sarà successo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mi spiace non leggerlo più. Per Io sulla luna ci sono andati altrimenti i russi in piena guerra fredda li avrebbero sputt....ati. Alcune foto sono ritoccate e possiamo immaginare perché ma ci sono andati

      Elimina
  8. Altharel ci viene ancora qui'... sotto altre vesti!

    RispondiElimina
  9. Ho avuto un disservizio alla rete internet...

    Alien smettila di fare il finto complottaro , sei meno credibile del resoconto fornito dal capo Dell FBI a D.Trump sulle operazioni di Obama...! Ahah U_U

    Comunque su internet fra fake e reali, si trovano un discreto quantitativo di immagini e video di anomalie lunari;Come ad esempio quel misterioso video dell alieno/a imbalsamato...(Il video che mostra le immagini di una presunta creatura aliena dalle sembianze femminili, trovata all'interno di una base sull'altra faccia della Luna durante la misteriosa missione Apollo 20).

    Anch'io quindi sono della posizione che ci siamo stati on the moon , che abbiam trovato qualcosa di molto interessante ma troppo scomodo per essere reso di dominio pubblico...Solita storia del CoverUp dai -_-||

    Grazie alla presidenza Trump però,il cover up sta sciamando, hanno già annunciato (ditta privata Space X)un giro intorno alla luna entro pochi mesi/anni.
    Evento che con Barak/Hilary sarebbe stato utopico..a dir poco! ~_~

    RispondiElimina
  10. Altharel, pensa te che salta fuori adesso...! Non hai affatto avuto disservizi su internet ....sei sempre venuto qui' in altra veste! Finto complottaro! Non vogliamo fare i complottari ne' per finta ne' per vero! parla per te che lo sei al 100% ! p.s- e sulla luna ci sono stati..ma cio' che hanno visto e' verboten!

    RispondiElimina
  11. Già.. Ma Verboten per colpa di chi Alien...? Se non dei cari funzionari corrotti della casta come Obama e gli amici (Tuoi amici) Clinton con nessi e connessi quali il capo Dell FBI James Comey e l'intero establishment che sta facendo propaganda contro Donald Trump, come non si era Mai visto fare a nessun presidente prima.....!

    Unica persona che sta facendo qualcosa ,Trump, per smuovere la situazione,parlando dello spazio,avvicinando l'opinione pubblica ad un argomento anestetizzato e Tabù quali la vita senziente ( e gerarchica ) oltre alla nostra...

    ...Invece di star a impolverare e collezionare sviolinate o far insinuazioni da vero finto complottista senza sale in zucca,da qualche fantomatico #centroricerche...:P........

    Invece di indire caccie alle streghe, Alien snocciola le informazioni dei Vostri archivi su ciò che hanno visto sulla luna se ne avete!

    RispondiElimina
  12. In fondo voi due siete fatti l'uno per l'altro come la mozzarella di bufala sulla pizza ahahahahah
    Bentornato Altharel

    RispondiElimina
  13. Risposta: la verita' e' che sarebbe meglio non venirci piu' in un sito-blog come questo, infestato da complottari! Come gia' ribadito altre volte...siete la rovina del web e di tutta la causa ufologica!
    p.s. e sei pure male informato Altharel... perche' gli occultamenti su quanto visto sulla luna, sono ben antecedenti, anni '60, quando ne' i Clinton ne' Obama erano presenti allora! non confondere le carte in tavola a bella posta...tipico di voi complottari! Siete specialisti in questo! E Donald Trump , non sta facendo scemare un bel niente, tanto meno la politica del silenzio sugli ufo...non gli conviene per poter fare degli USA una potenza suprema!Ufo e alieni, farebbero crollare la potenza di USA,Russia e qualsiasi altro paese terrestre come un castello di carte! A Trump, non gli conviene ne' parlare ne' rivelare nada!

    RispondiElimina
  14. Ciao Sotuknang, e grazie anche per il buon abbinamento ahahah.. ;)

    Alien quel che dici tu é in alienabile ma la loro fazione é inequivocabilmente dalla parte del cover Up ereditato dall establishment che li ha preceduti.Questo dicevo!

    Inoltre stai deliberatamente ignorando le Sue azioni e dichiarazioni,pertanto che tu non ne veda la direzioni dei suoi piccoli passi,non mi stupisce più di tanto.. . !!!

    Nemmeno mi stupisce che quindi non hai ancora appreso i suoi intenti lontani dalla supremazia diversa, da quella voluta dall obiettivo dell establishment che lo ha preceduto...!

    Ma sappi, che Lui non ha paura di crollare ma se propio vuoi ha la paura che NON, crolli il sistema vigente...!

    RispondiElimina
  15. Chi arriva alla casa binca, diventa poi, volente o dolente, parte integrante del sistema esistente negli usa da 200 anni!E viene condizionato di conseguenza! E non sara' di certo un Trump a cambiare la situazione planetaria! Solo gli ET lo potrebbero fare..se lo vogliono!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece secondo noi, chi arrivava alla casa bianca volente o nolente era già parte integrante del sistema esistente propio perché è stato scelto, dall establishment stessa a tavolino!

      A differenza Hilary, Trump che non era nei Loro piani...!

      Elimina
    2. Vi prego di vedere il video di Bush Junior intervistato pochi giorni
      fa in una notissima trasmissione. Alla domanda sugli ufo è stato chiarissimo. Oddio niente di nuovo solo la dimostrazione che il cover up esiste ed esisterà sempre.

      Elimina
    3. Grazie Sotuknang video notevole! Un intervista che sottolinea la chiara intenzione di tenerci nascoste verità inalienabili! Un chiaro schiaffo in faccia alla politica del silenzio...! Pur non dicendo NULLA fa intendere che c'è molto da dire che viene tenuto segreto.. La nebbia si sta diradando...!

      Elimina
  16. Recensioni dal web:
    Tv2000: dal 16 marzo torna “C’è spazio”, tra alieni e viaggi interstellari

    0
    0
    0
    0

    9 marzo 2017 @ 12:35

    Andrà in onda dal 16 marzo al 6 aprile prossimi, ogni giovedì alle 21.05 su Tv2000, la seconda stagione di “C’è spazio”, il programma condotto da Letizia Davoli che affronta temi che vanno “dal teletrasporto alle civiltà extraterrestri, passando per i viaggi interstellari sulla scia dell’astronave Enterprise di Star Trek”. “Dopo il grande successo della prima stagione che ha registrato 1 milione di telespettatori”, il programma – si legge in una nota – “patrocinato da Esa (Agenzia spaziale europea), Asi (Agenzia spaziale italiana) e, da questa serie, anche da Inaf (Istituto nazionale di astrofisica), accompagnerà i telespettatori in un nuovo viaggio dalla fantascienza alla scienza”. “C’è spazio” – prosegue la nota – cercherà di dare risposte a interrogativi quali: “Riusciremo mai a viaggiare attraverso la galassia o a teletrasportarci su altri pianeti? Che cosa sono gli esopianeti? Quali misteri nasconde ancora l’Universo? Come ci dovremmo comportare difronte ad una civiltà aliena?”. “Prendendo spunto da Star Trek, il programma farà luce sulle ultime frontiere della scienza e dello sviluppo tecnologico insieme ai protagonisti e alle eccellenze della ricerca scientifica nazionale e internazionale”. Filo conduttore della seconda serie saranno “le avventure dell’Enterprise e dell’equipaggio guidato dal capitano Kirk, da cui Davoli raccoglierà il testimone per condurre il pubblico tra i misteri dello spazio profondo”. Tra gli ospiti in studio il presidente dell’Asi, Roberto Battiston, il direttore della Sezione Tecnologia dei materiali dell’Esa, Tommaso Ghidini, il direttore del Dipartimento Tecnologie aerospaziali del Politecnico di Milano, Franco Bernelli Zazzera, l’astrofisico Giovanni Bignami, direttore dell’Istituto Scientifico del Gran Sasso, Eugenio Coccia, e l’astronauta Umberto Guidoni.
    Tags

    RispondiElimina

Anche con un centesimo di € potrai aiutare questo Blog a sopravvivere

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.