È stato davvero reso pubblico il brevetto del Black Manta?

Se il segretissimo velivolo sperimentale TR 3B Astra dovesse esistere veramente allora viene da chiedersi perché tale tecnologia antigravità non viene sfruttata da Elon Musk con il suo programma spaziale gestito commercialmente dalla SpaceX? Perché si continua ad utilizzare rumorosi razzi alimentati da antiquati propellenti fossili pur di raggiungere lo spazio profondo? 
Il primo volo operativo di ricognizione tattica eseguito dal fantomatico TR-3B risale ai primi anni '90. L'avanzata piattaforma triangolare è stata sviluppata nell'ambito del programma Top Secret meglio conosciuto come "progetto Aurora" il quale sarebbe stato finanziato per lo più da fondi in nero destinati alla Difesa Strategica dei cieli perlustrati dagli aeromobili senza pilota della US Air Force. Dal 1994 sono stati fatti decollare almeno 3 TR-3B di oltre un miliardo di dollari il cui raggio d'azione si è concentrato soprattutto nello spazio aereo della Gran Bretagna,Europa centrale e Stati Uniti. Il TR-3B è considerato essere il velivolo più strano mai realizzato finora. 
Il National Reconnaissance il NSA e la CIA hanno finanziato il progetto Aurora affinché il velivolo potesse assolvere un giorno a segrete operazioni militari
Il TR-3B meglio conosciuto come il triangolo volante non è frutto di una leggenda metropolitana visto che esiste realmente nonostante fosse stato costruito con una tecnologia gia' disponibile a metà degli anni '80.
Il rivestimento esterno del TR-3B è particolarmente reattivo alla stimolazione elettrica dei radar visto che è in grado di confondere e nascondersi ai strumenti di rilevamento attraverso l'assorbimento della luce. Questa pelle in polimero, quando utilizzata in combinazione con le misurazioni elettroniche ECCM sono in grado di alterare l'aspetto esterno del veicolo rendendolo simile a quello di un piccolo aereo o un cilindro volante. 
Oltre ad ingannare i ricevitori radar che in questo modo incorrerebbero in un falso rilevamento, il Triangolo Nero avrebbe le capacità di assumere l'aspetto di una grande varietà di aerei. Il velivolo è stato munito di un acceleratore circolare, riempito da plasma chiamato campo magnetico il quale circonda l'intero compartimento rotante e l'abitacolo al punto da sfruttare una tecnologia avanzatissima che sembra anticipare i progressi aeronautici di almeno mezzo secolo. La settimana scorsa si è fatto un gran parlare dell'imminente divulgazione dei segreti che tutt'ora circondano il Black Manta senza peraltro ottenere riscontri ufficiali da parte delle Autori militari statunitensi per cui tutto lascia intendere ad un falso scoop giornalistico ampiamente ripreso da molti organi d'informazione internazionali. 
Probabilmente la prova definitiva dell'esistenza del fantomatico Triangolo Nero la potremmo ottenere solo quando verrà esposto nei saloni aeronautici internazionali ove si avrà' modo di apprezzare quello che è stato finora interpretato come l'UFO terrestre. 

Commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...