L'anomalia del Mar Baltico riaccende la discussione sulla sua origine aliena

Gli esami di laboratorio hanno dimostrato che la cosiddetta anomalia del Mar Baltico contiene tracce di limonite e goethite, che per il geologo Steve Weiner sono "metalli che non possono essere prodotti naturalmente.
Tale conclusione non fa altro che riaccendere le speranze degli ufologi tutt'ora convinti di trovarsi di fronte ai resti di un'antica navicella extraterrestre inabissatesi sui fondali del Mar Baltico in epoche remote.
Ciò nonostante rimane il sospetto di un accordo internazionale per nascondere i risultati ottenuti dalle analisi di laboratorio. La scoperta dall'anomalia del Mar Baltico risale al 19 giugno 2011, quando una squadra dell'OXT rilevò una strana Presenza sul fondale del del Mar Baltico, in un tratto di mare tra la Svezia e la Finlandia. In quell'occasione, i ricercatori erano alla ricerca dei resti di un naufragio avvenuto durante la Prima guerra mondiale. 
Lo strano oggetto rilevato a 60 metri sotto la superficie dell'acqua ha uno spessore che si aggira intorno ai 3 a 4 metri e si trova ad una profondità di 87 metri. La scoperta di un altro oggetto discoidale rilevato a 182 metri dalla prima "anomalia" ha portato a credere che entrambi facessero parte della stessa struttura e che questa seconda "anomalia" potrebbe essere ricondotta ad un UFO ricoperto di rocce parzialmente carbonizzate. 
La forte combustione si sarebbe verificata nel momento in cui la navicella entrava nell'atmosfera terrestre e i cui resti si troverebbero adagiati in un vasto tratto di mare. In un'intervista radiofonica del 2012, Lindberg, uno degli scopritori dwll'anomalia ha cercato di spiegare che tutte "queste formazioni sfalsate sono molto strane", per cui ritiene che "decine di costruzioni simili vadano datate in un lontano periodo, probabilmente molto prima dell'era glaciale ". Nel caso in cui tali formazioni dovessero risultare naturali, allora ci sono tutti gli elementi per attribuirle a delle rocce stranamente bucherellate probabilmente a seguito di una catastrofica pioggia di meteoriti. 
Non viene scartata l'idea di un antico vulcano sottomarino che durante l'era glaciale sconvolse l'intero pianeta .
Un'altra possibilità è che potrebbe trattarsi di antiche strutture artificiali appartenenti al mitico continente scomparso di Atlantide. Lo strano oggetto sottomarino sembra essere stato progettato per uno scopo ben specifico. 
Infatti, l'anomalia del Mar Baltico è caratterizzata da angoli di 90 gradi e una serie di corridoi che sembrano snodarsi all'interno della solida struttura. 
Ulteriori indagini hanno permesso di scoprire delle lunghe trincee e solchi che potrebbero essere attribuiti al suo trascinamento provocato dalle forti correnti oceaniche. Per via delle grandi dimensioni di tali strutture alcuni siti e pubblicazioni scientifiche hanno messo in discussione queste spiegazioni mentre gli scettici hanno ipotizzato che potrebbe trattarsi di depositi di basalto, morene o formazioni prodotte da una sorgente idrotermale.

Commenti

  1. La goethite è un minerale: https://it.wikipedia.org/wiki/Goethite piuttosto diffuso e comune.
    La limonite è composta in parte da goethite e l'unico Steve Weiner a cui potrebbe riferirsi l'articolo è un biologo e non un geologo...
    Come al solito quando si parla di anomalie la quantità enormi di idiozie che circolano in rete hanno l'effetto di sminuire e ridicolizzare l'argomento.
    Sarebbe bello se chi è davvero interessato a certi argomenti come me tralasciasse la pubblicazione di certe idiozie.

    RispondiElimina

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...