giovedì 22 giugno 2017

La comparsa di nuovi cerchi nel grano nel Regno Unito

In quest'ultimo mese abbiamo voluto trascurare intenzionalmente il fenomeno dei Crop Circle britannici poiché in essi sembra trasparire sempre più l'intervento dell'uomo per cui preferiamo soffermarci esclusivamente su quelli particolarmente interessanti sotto il profilo grafico e simbolico. Ciò non vuol dire che l'antico fenomeno dei cerchi nel grano deve essere sottovalutato soprattutto se a materializzarsi sono quelle complesse e autentiche formazioni generate da chissà quale tipo di energia. 
Il mese di giugno è stato stato particolarmente prolifico per quanto riguarda l'attività dei circlemakers che sembrano possedere avanzate conoscenze astronomiche. Tra il 16 e il 17 giugno 2017 sono apparsi due spettacolari Crop Circle che sembrano volerci avvertire di una imminente eclissi solare. 
Il primo è stato segnalato nei pressi di Badbury Badbury Rings, Dorset, Regno Unito. Esso è stato creato graficamente dalla sovrapposizione del simbolo “dell'Albero della Vita” che nella geometria sacra è rappresentato da un “esagramma isocursale”. 
L'artista ha voluto aggiungere anche un terzo simbolo attraverso la sovrapposizione di un “triangolo equilatero”. Il “triangolo equilatero” è stato aggiunto in modo che esso racchiudesse solo 7 dei 10 grandi “circoli” che di solito contraddistinguono “l'Albero della Vita”. 
Ancora una volta lo schema geometrico ci vuole suggerire un periodo di “7 giorni” quando si potranno verificare dei grandi eventi astronomici. Sovrapponendo “l'Albero della Vita” su un “esagramma isocursale", nello stesso modo in cui la nostra Luna si sovrappone al Sole durante un'eclisse, l'artista ha voluto suggerire che certi eventi associati a un eclissi solare prevista per il 21 agosto saranno accompagnati da energie particolarmente “benevoli” che in tutti noi ci daranno l'illusione di rinascere riportandoci metaforicamente “dalla morte alla vita”. La seconda immagine è stata pensata per essere interpretata come la rotazione di una stella o di un “Sole eclissato” facilmente distinguibile al centro della formazione. Il secondo schema mostra un calendario di 18 mesi come quello interpretato dalle antiche culture azteca e Maya. 
L'autore del Crop Circle ci vuole forse suggerire che dobbiamo "contare il tempo in giorni" e non in anni in attesa di una prossima eclisse solare? 
Molte sono le domande senza risposta circa la seconda formazione apparsa nelle colture di Cheesefoot Head il 17 giugno 2017. Alcune interpretazioni ci possono venire nel momento in cui prestiamo attenzione ai particolari riscontrabili nel paesaggio circostante. Le immagini aeree delle due formazioni geometriche sono state ottenute da un Drone munito di fotocamera gestita da un gruppo di appassionati di fotografia facenti capo a MrGyro. Ovviamente ulteriori informazioni sono disponibili sul sito specializzato cropcircleconnector.com ove si possono ottenere dettagli aggiuntivi rispetto a quanto riportato sopra .

3 commenti:

  1. Sian qualsiasi cosa, in quello a destra più che un eclissi, ci leggo un meccanismo rotatorio, non raggi bensì dei dentelli, e il cerchio centrale qualcosa che si debba muovere durante la rotazione. Forse i pianeti non centrano nulla nel messaggio, ammesso e non concesso che sia un messaggio recondito. Prove non sussistono, magari l'artista si è semplicemente divertito. Il primo invece non veo proprio l'albero della vita, ma una serie di triangoli, (un frattale, almeno credo che così venga definito) che si intersecano in una sorta di gioco geometrico... forse un dna complesso... forse... o anche in questo caso l'artista si è diverito. Chi può dirlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello a DX dei dentelli significa:"A voi terrestri manca una rotella".

      Elimina
  2. Anche più di una una... ha ha... buona domenica.

    RispondiElimina

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.