lunedì 3 luglio 2017

Quando la CIA recluto' il fisico John Wheeler per studiare gli UFO

La CIA ha una lunga storia relativa ai suoi ingenti sprechi di risorse dedicate allo studio del fenomeno UFO grazie anche alla collaborazione delle menti più brillanti del mondo che per decenni hanno contribuito scientificamente nel vano tentativo di risolvere una volta per tutte la controversa fenomenologia degli Ufo. In effetti, le agenzie di intelligence come la CIA hanno reclutato i migliori scienziati del mondo per portare avanti tali studi. Un documento segreto declassificato e scoperto nella stanza di lettura elettronica della CIA intitolato "conversazione telefonica con il dottor John A. Wheeler" mostra come l'agenzia stava cercando di reclutarlo in ottemperanza di un programma segreto rivolto allo studio dei dischi volanti e la minaccia da loro rappresentata. 
Il documento prosegue citando un paio di altri nomi, come l'ex direttore della ricerca a Cambridge, Massachusetts e presso il Research Center dell'USAF il dottor O'Day. Il documento fa riferimento alla volontà dei vertici militari di attuare un approccio più scientifico nell'affrontare la problematica UFO. 
Il documento non offre molte informazioni, ma conferma l'esistenza di tale progetto iniziato nel lontano 1953 attraverso il quale si evince che la CIA stesse valutando seriamente la questione UFO reclutando le migliori menti accademiche. Per anni gli Stati Uniti hanno fatto parlare di sé proprio per aver creato delle segrete ed oscure agenzie governative che probabilmente miravano a depistare e distogliere l'interesse del pubblico per il fenomeno UFO. 
Anche se la National Security Agency (NSA) è stata fondata nel 1952, la sua esistenza è stata nascosta fino alla metà degli anni 1960. 
Tra tutte queste agenzie, quella più segreta è il National Reconnaissance Office, che dopo essere stata fondata nel 1960 è rimasta completamente segreta per quasi 30 anni. Nonostante l'impegno profuso da tutte queste agenzie è risultato che il fenomeno UFO non era poi così rilevante questo perché mancavano tutte quelle prove fisiche atte a sostenere la ricerca. 
Quello che è venuto a mancare è l'accuratezza delle prove raccolte le cui analisi avrebbero dovuto portare alla identificazione di diversi fatti storici. Per quanto riguarda il fenomeno UFO, allora è giunto il momento che gli scienziati si decidessero una volta per tutte scegliere da che parte stare e fare un passo indietro nella loro comprensibile attività di disinformazione e occultamento delle prove. Se tali conclusioni dovessero risultare abbastanza esaustive e quindi affidabili allora gli scienziati dovrebbero formulare una conclusione definitiva anche se ciò potrebbe portarli ad affrontare questioni delle più bizzarre. 
Qualora si dovesse scoprire che tutte le prove fisiche sono coerenti con un'erronea e soggettiva interpretazione visiva, allora non c'è da stupirsi che verranno meno tutte quelle motivazioni senza le quali non possiamo speculare sul vero ruolo degli extraterrestri sulla Terra.

2 commenti:

  1. Non vedo l'importanza di capire cosa siano gli ufo. Vedo l'importanza di digerire il fatto che è impossibile non esistano forme di coscienza più evoluta dell'uomo: troppe galassie, troppe stelle, troppi pianeti. Il problema è che è probabile che più evoluta essa sia, più essa abbia una visione delle cose ludica e leggera...a differenza di noi, che ci prendiamo troppo sul serio. Tanto sul serio da ipotizzare robot con sembianze umane, e credere che meccanica, scienza e cibernetica possano esistere a prescindere dai condizionamenti umani, evolvendo in futuro autonomamente. Mentre ciò è solo il risultato di un'idea umana: nessun mondo futuro sarà solo meccanico e automatico, perché il concetto stesso di intelligenza artificiale è umano. Il giorno che ci prenderemo in giro perché i limiti che abbiamo sono i veri padroni delle nostre esistenze faremo quel balzo evolutivo che nel cosmo è necessario per comprendere quello che significa esistere. Esistere significa giocare...con leggerezza e ironia. Penso che il fondamento ultimo della comprensione della questione ufo sia il porsi questa domanda: quanto siamo lontani dal fondare una società sul divertimento e la serenità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo!!! Finalmente, oltre alla leggerezza e all'ironia anche un po di educazione e serenità interiore non sarebbe male. Basta leggere i post di oggi ai quali ho risposto con ironia, perché con tutti i miei difetti sono una persona equilibrata. Poi ci chiediamo perché non si manifestano. Più che l'anello bisognerebbe cercare la rotella mancante. Ahah

      Elimina

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.