sabato 29 luglio 2017

Se esistono gli universi paralleli allora Dio è solo una pura contraddizione

Cosa potrebbe succedere qualora veissimo a conoscenza che il nostro Universo è solo uno dei tanti esistenti all'interno di altri spazi cosmici?
Sarà indubbiamente una delle più grandi scoperte scientifiche di tutti i tempi, anche se ci sono alcune questioni teologiche da considerare. 
Alcuni filosofi moderni sono dell'idea che in un universo così sconfinato non ci sarebbe spazio sufficiente per ospitare un potenziale creatore capace di gestire un'infinità di creature più o meno senzienti. Questo è un argomento estremamente delicato visto che già in diverse occasioni la Chiesa Cattolica ha cercato di affrontare la questione con un ottica insolitamente possibilista. 
Le eventuali risposte ai molti interrogativi potrebbero innescare accese diatribe tra le varie confessioni religiose ma soprattutto tra i fisici e filosofi moderni. 
Le leggi fisiche finemente sintonizzate che attualmente ci circondano sono una semplice coincidenza o implica che un potere molto più elevato abbia voluto creare la Terra solo per fargli ospitare delle forme di vita accuratamente selezionate? Sono sempre più numerosi gli scienziati secondo i quali l'Universo sembra essere stato specificamente progettato per l'esistenza antropocentrica  e il benessere dell'uomo. Secondo Brian Greene, professore di fisica e matematica presso la Columbia University, le due opzioni, il multiverso e Dio non devono necessariamente essere intese come una mera questione di rivalità . 
Potrebbe essere che Dio si nasconda effettivamente dietro a tutto ciò che i cattolici chiamano Creato anche se la Fisica tradizionale sembra voler mettere in discussione una tale convinzione. La teoria dei multiversi non è poi così nuova come molti potrebbero ipotizzare. Basta tornare indietro nel tempo e precisamente a 2.500 anni fa, quando i filosofi greci non esclusero a priori l'esistenza di molteplici universi. 
La teoria del multiverso e l'esistenza di Dio si contraddicono a vicenda. 
Mary-Jane Rubenstein, docente di religione e filosofia presso l'Università di Wesleyan e auttrice del libro Worlds Without End: Le molte vite del Multiverso , sostiene che ci sono diverse complicazioni che le varie religioni dovrebbero affrontare prima o poi nonostante che la teoria del multiverso continui a guadagnare terreno. Il problema del Multiverso inteso come l'antitesi di Dio è un argomento particolarmente intrigante, anche se i fisici sostengono che non è loro compito trovare una soluzione definitiva a questo ancestrale enigma. 

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.