giovedì 21 settembre 2017

Abitanti di un mondo parallelo

Da dove provengono gli alieni? Qual'è il loro modo di approcciarsi con il genere Umano? Difficile rispondere a queste ancestrali domande che da sempre hanno accompagnato e turbato il cammino evolutivo dell'umanità.
Fondamentalmente, tendiamo a credere che gli alieni provengano dallo spazio profondo ove potrebbero nascondersi all'interno di ecosistemi planetari simili a quello terrestre. 
Fin qui nulla da eccepire se non fosse per le sconfinate distanze che ci separano dal Pit-Stop con  ipotetiche civiltà extraterrestri in cui il tempo e lo spazio tendono a confondersi tra loro. 
Una navicella extraterrestre per poter superare tali enormi distanze, dovrebbe impiegare milioni di anni solo per fare una capatina sul nostro pianeta e questo di per sé potrebbe sembrare illogico. 
E se il viaggio interstellare venisse organizzato da una stella vicina e non da una lontana galassia? 
Pur ipotizzando che gli alieni fossero in grado di viaggiare alla velocità della luce, allora viene da chiedersi se riusciranno mai con i loro velivoli a sopportare le devastanti sollecitazioni provocate dallo sconfinamento temporale?
Considerando che le frequenti visite compiute dai rappresentanti di qualche civiltà extraterrestre non sono accidentali ma piuttosto finalizzate a scopi ben precisi allora viene da chiedersi se i nostri vicini cosmici non fossero seriamente interessati a studiare le nostre piante, minerali e altre sostanze essenziali presenti esclusivamente sulla Terra e che farebbero  del nostro pianeta un'autentica  miniera a cielo aperto. 
Probabilmente lo scopo di questi viaggiatori senza tempo è quello di raccogliere dati importanti sull'ecosistema in cui viviamo in modo da poterli utilizzare a loro vantaggio.
Le loro frequenti incursioni potrebbero dimostrare l'origine non-cosmica degli alieni che qualora dovessero esistere in un mondo parallelo, allora vorrà dire che gli possiamo intercettare in luoghi molto più vicini di quanto potessimo immaginare e quindi interferire con il loro microcosmo. 
L'assenza di contatto con i terrestri, può essere spiegato come il tentativo da parte degli ET di eludere l'interessamento dei terrestri per tutto ciò che riguarda la loro avanzata tecnologia. 
Già nel XIX secolo,cominciarono a circolare strane storie di contatti con rappresentanti di civiltà non terrestri al punto che alcuni studiosi iniziarono a scrivere interi libri su questo affascinante argomento. Allo stesso tempo iniziarono a comparire strani gruppi di ricerca che in epoche recenti abbiamo imparato a conoscerli come ufologi. 
Numerosi sono i libri che devono fantastici incontri con entità impalpabili, senza parlare dei registi di film di fantascienza che ostinatamente continuano a promuovere  gli alieni come delle oniriche creature particolarmente malvagie. 
Ciò nonostante resta da capire il motivo per cui gli alieni vorrebbero interfacciarsi con il nostro mondo materiale. 
Probabilmente sono preoccupati solo per la nostra irragionevole corsa agli armamenti nucleari, un atteggiamento questo che potrebbe mettere in pericolo la loro stessa sopravvivenza. 
Solo un conflitto nucleare potrebbe legittimare un loro diretto intervento sulla Terra in modo da garantire la sopravvivenza di quelle innocue creature incapaci di autodistruggersi ma solo alimentate dal puro istinto di sopravvivenza come all'epoca dei dinosauri. 

1 commento:

  1. E se fossimo stati in comunicazione per decenni con loro, per poi chiedere di non interagire più sino nostra evoluzione autonoma,o altro..? Forse aspettano che ci rendiamo conto della falsità mediatica,della censura tecnologica,del labirinto sociale e della dissociazione cognitiva perpetrata da ingiustizie verso altre specie e verso ľintelligenza del singolo! ...Come ľ11settembre, il debito insanabile insensato,bin laden,la compulsivita dei mercati azionari,la dogmatica presa di posizione dei salvatori di spirito...pizzagate,dollaro col marchio di sette esoteriche, la comicità è che queste cose SI SANNO ma il nostro sistema le ovatta sistematicamente...come? Deridendole..guardatevi ľ ultimo video di quella prostituta intellettuale, chiamata francesco gabbani. Poi commentate.

    RispondiElimina

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.