martedì 12 dicembre 2017

Strane presenze individuate all'interno della Nebulosa di Orione

Seth Shostak, famoso astronomo e direttore del centro per la ricerca di intelligenze extraterrestri, SETI, ha dichiarato dinanzi ad una commissione parlamentare del congresso americano che entro un paio di decenni potremmo scoprire che in fondo non siamo le uniche forme di vita intelligenti a popolare questo sconfinato universo composto da una pluralità di mondi alternativi.
Lo scienziato è convinto che le possibilità di una scoperta così eclatante siano da considerarsi estremamente elevate e che tutto ciò potrebbe concretizzarsi entro i prossimi 20 anni. 
Tutto dipenderà dai futuri finanziamenti destinati a favorire la ricerca di alternative forme di vita che in qualche modo potrebbero nascondersi all'interno del nostro vicinato cosmico. La conclusione ufficiale circa l'origine aliena dei cosiddetti UFO è stata formulata per la prima volta nel 1948 in un rapporto top secret intitolato "Valutare la situazione".
Questo documento è stato compilato da un gruppo appositamente creato dall'Air Force statunitense che aveva rivolto una particolare attenzione ai fatti accaduti nel lontano 1883, quando l'astronomo messicano J. Bonilla riuscì a fotografare diversi oggetti volanti dall'aspetto sferico e sigariforme che volavano mantenendo la stessa distanza l'uno dall'altro. Ciò che si vede in una serie di fotogrammi catturati sul laptop di un astronomo statunitense è il movimento di strani oggetti volanti facilmente distinguibili nella parte inferiore dell'inquadratura. Ovviamente lo Sky-Watcher non ha esitato a segnalare l'accaduto agli esperti del Mufon che lo hanno classificato come caso irrisolto nr. 88566. 
Egli afferma che questa non è la prima e sicuramente non sarà l'ultima anomalia celeste con la quale dovrà confrontarsi durante le sue future osservazioni del cielo notturno alla costante ricerca di galassie lontane, nebulose e pianeti sconosciuti. Egli si pone il seguente interrogativo: 
se la verità è veramente là fuori quant'altro dobbiamo attendere ancora affinché venga divulgata su scala globale e senza discriminazione di classe sociale?

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.