domenica 11 marzo 2018

La paura del ridicolo superata da 3.500 piloti civili e militari

UFO civil and military pilots
In tutto il mondo, sono aumentate notevolmente le segnalazioni di inusuali fenomeni aerei non meglio identificati osservati spesso sotto forma di strani punti luminosi in grado di muoversi singolarmente o in gruppo, oggetti volanti dalla forma discoidale o sigariforme, capaci di accelerazioni così incredibili da sfidare le leggi della Fisica e rendere del tutto obsoleti i nostri più moderni aviogetti. Tutto ciò è supportato dal numero impressionante di video amatoriali che quotidianamente vengono pubblicati su Internet, molti dei quali risultano abilmente truccati e falsi. 
In contrapposizione ai tanti fake, vi sono un gran numero di filmati realizzati dai servizi speciali statunitensi e in particolare dalle varie forze aeree. 
Dal 1947, oltre 3.500 piloti civili e militari hanno sfidato la paura di cadere nel ridicolo e mettere a repentaglio le loro carriere solo perché hanno osato riportare pubblicamente i loro avvistamenti UFO. 
Considerando che solo il 10% dei testimoni occasionali è riuscito a farsi ascoltare dalle autorità, è ragionevole presumere che questa percentuale sia ancora più bassa per i piloti civili e militari, preoccupati più per le loro carriere che per gli oggetti volanti non identificati.
Per decenni le persone particolarmente scettiche a riguardo del soggetto UFO hanno affermato che se questi oggetti fossero reali dovrebbero apparire sugli schermi dei radar e non attraverso testimonianze individuali rese da piloti altamente qualificati. 
Abbiamo non meno di 20 affidabili testimoni della Air Force, dei Marines, della Marina, dell'Esercito e delle autorità civili statunitensi e straniere tra cui controllori del traffico aereo che in più di un'occasione hanno riferito di aver agganciato qualcosa di strano sui loro rispettivi radar di terra. 
Si noti che molte di queste persone hanno inoltre aggiunto che questi insoliti oggetti volanti non erano affatto dei palloni meteorologici o gas di palude. 
Si trattava di oggetti ben strutturati capaci ci di  volare a migliaia di chilometri all'ora per poi fermarsi improvvisamente e muoversi in modo non lineare. Spesso questi oggetti risultavano totalmente invisibili ai tracciati radar operanti in uno spazio aereo di centinaia di chilometri. 
In alcune occasioni sono stati descritti come oggetti solidi e dall'aspetto metallico al punto da provocare dei forti e inequivocabili ritorni radar. 
Ciò significa che abbiamo a che fare con degli oggetti reali, fisici e altamente tecnologici, e non con qualcosa di puramente immaginario o frutto di un allucinazione di massa. Bisogna tenere presente che la Francia è l'unico paese in cui lo studio scientifico e la raccolta di Unidentified Aerial Phenomena (PAN) è stato affidato, dal 1977, a un'organizzazione ufficiale e civile, la Cnes, che si avvale di un prestigioso gruppo di studio, il GEPAN. Le fonti informative e d'osservazione a cui fa affidamento iGEPAN provengono principalmente da memorandum d'intesa tra la Cnes, la Gendarmeria francese, l'aviazione civile e la Météo-France.

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

netparade

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.