mercoledì 14 marzo 2018

Le preoccupazioni del Pentagono sui ripetuti avvistamenti UFO da parte di piloti militari

È possibile che l'America continui ad essere tecnologicamente ostacolata dalla Russia o dalla Cina? Oppure, come molti sospettano dopo aver visionato alcuni video pubblicati dal New York Times lo scorso dicembre, potrebbe rappresentare la prova di una discreta ingerenza aliena perpetrata nel corso di questi ultimi decenni?
I video, insieme alle testimonianze rese dai piloti e operatori radar, sembrano fornire la prova dell'esistenza di dispositivi aerei di gran lunga superiori a qualsiasi cosa in possesso degli Stati Uniti o dei suoi alleati.
I funzionari del Dipartimento della Difesa statunitense che hanno analizzato le informazioni ottenute dai numerosi testimoni hanno confermato più di una dozzina di tali incidenti aerei gran parte dei quali verificatisi nel 2015 sulla costa orientale degli Stati Uniti. In un altro caso risalente al mese di ottobre 2017, l'Air Force si vide costretta a far decollare i suoi F-15 in un fallito tentativo di intercettare un misterioso velivolo agganciato elettronicamente dai piloti militari mentre volava a fortissima velocità sopra le acque del Pacifico nord-occidentale. Un terzo video recentemente declassificato e successivamente pubblicato da To the Stars Academy of Arts and Science, una società privata che si occupa di media e ricerca scientifica, rivela un incontro navale precedentemente sconosciuto e verificatosi nel 2015 al largo della costa orientale degli Stati Uniti. Nel mese di dicembre 2017, il Dipartimento della Difesa statunitense ha declassificato altri due video che documentano degli incontri ravvicinati tra i caccia F-18 della Marina Militare statunitense e velivoli non meglio identificati. Nel primo video viene mostrato l'attimo in cui alcuni piloti si imbattono con uno strano velivolo a forma di uovo subito dopo essersi distaccato da una formazione aerea composta da analoghi oggetti . 
Inoltre, nel video si può ascoltare l'audio originale in cui i piloti militari cercano di dare una spiegazione sulla natura dello strano oggetto volante. 
Il secondo video si riferisce a un incidente simile che nel 2004 vide coinvolto un F-18 appartenente al gruppo di battaglia della USS Nimitz .
In almeno due occasioni, i caccia F-18 furono fatti decollare per intercettare questi misteriosi velivoli riuscendo peraltro a verificarne la posizione, l'aspetto e le prestazioni. Spesso , questi incontri aerei avvenivano in pieno giorno e sotto il controllo dei radar situati a bordo delle navi e aerei da guerra. 
Secondo quanto riferito dagli aviatori navali, i velivoli erano lunghi circa 45 piedi e di colore bianco. Eppure questi misteriosi oggetti apparentemente privi di propulsori erano in grado di allontanarsi facilmente dagli aerei intercettori incaricati di stabilirne la natura e il livello di pericolosità. 
Ovviamente tali dispositivi erano completamente diversi da qualsiasi sonda meteorologica o da altri velivoli finora conosciuti. 
Bisogna anche escludere la teoria dei droni progettati per lo spionaggio aereo visto che il loro comportamento in volo era completamente diverso da qualsiasi dispositivo ufficialmente riconosciuto dalle varie  forze aeree.

2 commenti:

  1. Dal Centro Ricerche######:
    E' fin dagli anni '40, '50 e oltre che i misteriosi oggetti, gli ufo, sorvolano gli Usa senza che nessuno lo possa impedire. Il bello e' proprio questo, gli ufo se ne' infischiano dei confini terrestri e vanno dove vogliono e atterrano perfino. La presenza aliena c'e' sempre stata! Centro R.

    RispondiElimina
  2. Il Pentagono è ben felice che si parli di Ufos, in modo
    da allontanare e sviare l'opinione pubblica dalle "patate bollenti" della sua politica.
    (Enorme sperpero di risorse della nazione che potrebbero
    essre indirizzate su progetti più utili, indebita ingerenza sulla Casa Bianca, etc, etc,.)

    RispondiElimina

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

netparade

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.