giovedì 24 maggio 2018

Galateo extraterrestre

Come dovrebbe interagire l'umanità con una ipotetica imtelligenza  aliena?
Probabilmente in un lontano futuro, gli umani perderanno ogni desiderio nel voler atterrare su esopianeti sconosciuti e questo dopo aver vagato liberamente nello spazio per anni, ha affermato il presidente di Icarus Interstellar, Richard Obousy. Quando si sviluppa una strategia per un primo contatto, potrebbe anche essere importante pensare al benessere mentale e fisico degli alieni con i quali gli esseri umani potrebbero presto entrare in contatto. 
Un gruppo di ricercatori ha sviluppato tre principi morali che in futuro potranno servire da linee guida per qualsiasi interazione con tutti i tipi di creature extraterrestri :
Impara tutto ciò che puoi prima di rischiare qualsiasi tipo di interazione diretta. 
Se ti imbatti con un Essere extraterrestre ancora vivo, lascialo stare.
Evita di portare sulla Terra campioni extraterrestri perché potrebbero essere totalmente incompatibili con il nostro ecosistema.
Alla luce di ciò, gli esperti affermano che l'umanità dovrebbe iniziare a pensare su come interagire con le specie aliene e questo molto prima di entrare in contatto con una vita extraterrestre. 
È assolutamente imperativo muoversi in un rigido insieme di linee guida che regolano il modo in cui le persone nelle future missioni interstellari vorranno studiare e interagire con gli alieni ancor prima che qualcuno di un mondo lontano decidesse di perpetrare un attacco alla Terra. 
A tale conclusione sono giunti i partecipanti al Starship Congress tenutosi nel mese di agosto 2017. Mentre una "direttiva primaria" impediva agli ufficiali della Flotta Stellare di interferire e commerciare con forme di vita aliene così come mostrato in TV con la saga di "Star Trek" anche se un po' dura, una regola del genere potrebbe aiutare a governare le interazioni tra alieni e umani.
"Nel caso in cui dovessimo scoprire prove di vita intelligente su altri mondi, questo rappresenterà un evento sociale, culturale e tecnologicamente sconvolgente per gli affari umani che dovranno essere gestiti con grande cura per assicurare che la nostra e la loro cultura rimangano intatte e non vengano pregiudicate da questa nuova conoscenza" ha dichiarato Kelvin Long, il fondatore di Project Icarus . 
La gente che in futuro deciderà di viaggiare verso stelle lontane porterà con sé aspetti tangibili e intangibili della cultura umana, quindi dovrebbe essere curata in modo responsabile prima di essere inviata su un pianeta alieno. 
"Penso che tutto dipenda da come ci comportiamo con gli extraterrestri", ha affermato Armen Papazian, CEO dell'International Space Development Hub. 
"Credete davvero che il nostro sia  un universo meraviglioso, un cosmo incredibile? Siete convinti che siamo gli unici a vivere in un paesaggio straordinario incastonato in un letto di stelle? Quali potranno essere i nostri pensieri nel momento in cui, là fuori, qualcuno decidesse di farsi vivo ?
È giusto esportare la nostra economia nelle profondità del cosmo? Non sarebbe meglio goderci il suo assordante silenzio e la sconfinata magnificenza?".

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

netparade

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.