domenica 24 giugno 2018

Il pilota americano che incontrò un UFO

Bufale, manipolazioni fotografiche, amalgami, eccessi e false informazioni sono all'ordine del giorno nell'ufologia moderna .
Articoli di giornale e resoconti con costanti facilmente identificabili paradossalmente stanno aumentando di numero. Il problema è che spesso sono il risultato di racconti tramandati dal folklore urbano anche se un certo numero di persone non esita a pubblicarli pur di attirare l'attenzione della stampa tradizionale. Questo non significa che gli UFO non esistano. 
Soprattutto se prestiamo attenzione a quanto accaduto il 26 maggio 2018 al pilota di un aereo leggero americano PA-32 Saratoga il quale riferisce di essere stato inseguito e monitorato da un misterioso oggetto volante non meglio identificato. L'incidente è avvenuto a circa 22,5 chilometri a nord-est dell'aeroporto internazionale John F. Kennedy. 
L'aereo stava volando dal Massachusetts al New Jersey quando il pilota osservò visivamente nell'aria un grande "oggetto volante ", che stranamente non venne agganciato dai radar di terra. 
La Federal Aviation Administration degli Stati Uniti si è limitata a dichiarare che avrebbe "indagato" sullo strano incidente, rifiutandosi di fornire informazioni dettagliate sulle comunicazioni radio registrate durante la conversazione tra il pilota del piccolo aereo provato e il controllore radar. 
Cosa ha visto veramente il pilota? 
Si tratta dell'ennesimo caso di distorsione ottica o dell'intrusione aerea di un drone impazzito? Perché sempre più piloti rischiano di giocarsi il brevetto di volo nel riferire dei loro incontri ravvicinati del tipo aeronautico? 

1 commento:

  1. Dal Centro Ricerche#####: come no, bufale e false informazioni ufo, servono alla politica del silenzio o cover up, portata avanti dal 1947 in poi e anche prima.Il discredito e le info fasulle, servono alla detta politica del silenzio per generare scetticismo e incredulita' nel tessuto sociale sulla questione ufo e presenze aliene .Ne' risponderanno un giorno i responsabili di tutto cio'?!Noi riteniamo di si'! Centro R.

    RispondiElimina

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

netparade

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.