martedì 24 luglio 2018

I bambini sono piu portati per un ipotetico primo contatto alieno

Nel film The Arrival, gli alieni comunicano con il genere umano attraverso gassose emissioni circolari che a loro volta rappresentano frasi complete sintetizzate in immagini apparentemente incomprensibili.
Gli umani hanno una straordinaria capacità di comunicare tra loro e, quando si tratta di comunicare con gli alieni la questione si fa molto più complessa.
Come imparare una lingua che nessuno parla o che non ha  mai sentito? 
Questo è l'annoso interrogativo a cui Sheri Wells-Jensen, professore di linguistica presso la Bowling Green State University, ha dovuto rispondere mentre proiettava il curriculum del suo corso di xenolinguistica - lo studio delle lingue straniere.
"Se domani dovessimo stabilire un primo contatto con gli alieni", dice Sheri Wells-Jensen, "il primo istinto dell'umanità sarebbe probabilmente quello di arruolare i linguisti più prestigiosi e colti e fare in modo che questi riescano a tradurre un linguaggio a noi sconosciuto" ha affermato la dottoressa Louise Banks, personaggio di Amy Adams nel film The Arrival , del 2016. 
Nel film, 12 astronavi aliene appaiono in varie località della Terra. 
La Dottoressa Banks viene immediatamente chiamata dall'esercito statunitense affinché potesse studiare la sonda aliena atterrata nello stato del Montana. 
Il suo compito è quello di decifrare la lingua degli alieni e scoprire le loro vere intenzioni . 
Per Hollywood, se sul nostro pianeta dovessero sbarcare davvero degli inursori alieni, probabilmente inizieremmo a provare a comunicare in modo simile al film Arrival, e questo attraverso immagini astratte, note musicali e gestualità infantile, in modo da stabilire un vocabolario di base impostato su semplici parole. Ma, a differenza delle rappresentazioni del film The Arrival, la nostra migliore speranza di imparare a comunicare in modo rapido ed efficace potrebbe non essere quella dei linguisti internazionali. 
Piuttosto, dovremmo affidarci alla gestualità infantile visto che i bambini piccoli hanno la capacità di comunicare attraverso la semplicità dei loro gesti che sembrano non avere confini né limitazioni politiche .

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

netparade

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.